Dal CuneeseAttualità

Occorre aumentare l’uso di legname locale per una maggiore sostenibilità economica

“Siamo fortemente preoccupati per il futuro dell’intera filiera legno-arredo. Alcune aziende trasformatrici hanno già comunicato ai proprietari forestali e alle imprese boschive il blocco di alcune linee di produzione. Se l’industria del settore si ferma, ci sarà anche una contrazione del ritiro del legname, con conseguente crollo della produzione”. Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Cuneo e della Federazione nazionale Risorse Boschive e Coltivazioni Legnose di Confagricoltura commenta così l’allarme lanciato da Federlegno-Arredo sugli effetti che l’incremento dei costi energetici sta creando al comparto. La provincia di Cuneo conta una superficie ricoperta a boschi e foreste di circa 300mila ettari, sfiorando il 38% del totale regionale, e l’economia del legno impiega migliaia di addetti in centinaia di aziende, di diversa natura, sparse su tutto il territorio.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button