Dal CuneeseSanità

Medici in associazione per non lasciare mai soli i pazienti

La Asl Cn2, attraverso i medici di medicina generale, in  caso di assenza del proprio medico di famiglia e davanti ad una urgenza o necessità di un certificato o impegnativa, assicura la copertura del servizio tramite le associazioni di medici. Questi, infatti, possono concordare  tra  di  loro  e realizzare forme  di  lavoro  associate, secondo tipologie e modalità stabilite dalla normativa.

Le forme associative sono sostanzialmente tre: la prima è la medicina in associazione, la seconda la medicina in rete, la terza quella di gruppo. Nel caso della medicina di gruppo, l’attività dei medici viene erogata principalmente in un’unica sede, articolata in più ambulatori. Gli orari di apertura degli studi medici vengono coordinati per garantire una maggiore disponibilità di accesso agli utenti. L’assistito deve rivolgersi di norma al proprio medico, ma all’occorrenza, può riferirsi ad uno qualsiasi dei medici del gruppo.

Nel caso della medicina in associazione, l’attività dei medici non è vincolata ad una sede unica (gli ambulatori dei medici del gruppo sono distribuiti sul territorio) tuttavia i medici coordinano gli orari di apertura degli studi per garantire una maggiore disponibilità di accesso agli utenti. L’assistito deve rivolgersi, di norma, al proprio medico, ma all’occorrenza, può riferirsi ad uno qualsiasi dei medici dell’associazione.

Nel caso della medicina in rete, gli studi sono distribuiti sul territorio del distretto e non sono vincolati a una sede unica, ma la gestione della scheda sanitaria individuale avviene su supporto informatico mediante software tra loro compatibili: gli studi medici sono infatti in collegamento reciproco tramite i sistemi informatici, in modo da consentire l’accesso alle informazioni relative agli assistiti dei componenti dell’associazione.

Fatto salvo il principio della libera scelta del medico da  parte dell’assistito e del relativo  rapporto  fiduciario  individuale, ciascun partecipante alla forma associativa si impegna a svolgere la  propria  attività anche nei confronti degli assistiti degli altri medici della forma associativa medesima,  anche  mediante  l’accesso  reciproco  agli strumenti di informazione di ciascun medico; ogni medico dell’associazione garantisce  una presenza nel rispettivo studio per  cinque  giorni  la  settimana. Fermi restando gli  obblighi  previsti per ciascun  medico, i medici della forma associativa realizzano il coordinamento della propria attività di  Assistenza  Domiciliare,  in  modo  tale  da garantire la continuità di tale forma assistenziale sia nell’arco della giornata sia anche nei periodi di  assenza  di  uno  o  più medici della associazione o, eventualmente, nei casi  di  urgenza,  nel rispetto delle modalità previste in materia di recepimento delle chiamate.

Le principali finalità di queste forme associative fra medici si possono così riassumere:

  • Continuità assistenziale: possibilità di rivolgersi agli altri medici dell’associazione;
  • Disponibilità alla reciproca sostituzione in caso di ferie o assenze prolungate del medico;
  • Garanzia dell’apertura giornaliera di almeno uno studio fra i medici associati fino alle ore 19.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com