Dal CuneeseAttualità

Via libera ai lavori sulla strada provinciale 35 nei comuni di Pamparato e Roburent

Negli ultimi giorni del 2022 è stato approvato con decreto del presidente Robaldo il progetto definitivo per la sistemazione della frana che nell’ottobre del 2020 ha causato il cedimento di una porzione della carreggiata della strada provinciale 35 nel tratto Torre Mondovì – Roburent – Pamparato, al km 12 a monte dell’abitato di Roburent. Il movimento franoso ha costretto la Provincia alla regolamentazione del traffico a senso unico alternato a vista, oltre che ad una sistemazione temporanea dell’area con la posa di barriere new jersey in calcestruzzo e l’intubamento della cunetta stradale.

Il progetto definitivo, predisposto dall’ufficio tecnico della Provincia (sezione di Mondovì), prevede una serie di interventi distribuiti lungo il tracciato stradale compreso nei comuni di Pamparato e di Roburent. Il principale consiste nella ricostruzione totale del corpo stradale, ottenuta realizzando le fondazioni in cemento armato, cui faranno seguito i canali di scolo delle acque piovane, l’asfaltatura della carreggiata ricostruita, la posa delle barriere stradali e la tracciatura della segnaletica. Inoltre, a completamento dell’intervento, verranno sostituiti alcuni tratti deteriorati di barriera stradale lungo la sp 35 nei comuni di Roburent e Pamparato.

L’importo complessivo dell’intervento ammonta 400 mila euro, ripartito in 290.000 euro per lavori (comprensivi di oneri speciali della sicurezza) e 110 mila euro per somme a disposizione dell’amministrazione, e sarà finanziato mediante contributo regionale, nell’ambito del quinto stralcio del Piano di interventi alluvione ottobre 2020.

«Con questo intervento, grazie ai fondi alluvionali ricevuti in aggiunta alle somme urgenze – commenta il consigliere Pietro Danna, delegato alla viabilità monregalese – riusciremo a ripristinare la viabilità sulla sp 35 da Roburent verso Serra intervenendo su una frana che da tempo compromette l’ordinaria percorrenza della strada e inoltre realizzeremo altre opere di ripristino sul territorio in questione.  Ora l’intento è di procedere quanto prima alle fasi successive dell’iter amministrativo, ossia l’approvazione  del progetto esecutivo e l’appalto dei lavori, in modo da avviare il più celermente possibile la realizzazione dell’intervento».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button