Dal CuneeseCRONACA

Trenta ragazzi intossicati dal monossido di carbonio ad Argentera

Sono una trentina i ragazzi che erano nella casa alpina della Parrocchia di Carrù in via Bersezio, ad Argentera, Cuneo, Alcuni di loro hanno cominciato ad accusare i sintomi di una intossicazione. Sul posto una squadra dei vigili del fuoco stanno intervenendo per soccorrere i giovani. L’allarme alle 15.

Stanno intervenendo ambulanze del 118, per il trasporto in ospedale, e i carabinieri. Da capire le cause della fuga di monossido, perché dentro il rifugio non ci sono stufe ma soltanto termosifoni, fanno sapere i vigili del fuoco. Dunque non si è esclude una intossicazione alimentare, dal momento che i sintomi sono simili a quelli che dà il monossido di carbonio, mal di testa e mal di stomaco.

Soltanto dagli esami del sangue, che saranno eseguiti in ospedale, si potrà capire di più.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button