More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Torna il festival dell’Ortica a Magliano Alfieri

    spot_imgspot_img

    MAGLIANO ALFIERI Torna in questo fine settimana Urtija, il festival che riflette la – e sulla – provincia. Sotto il “segno dell’ortica” ci sarà spazio per arte, dibattiti, musica, escursioni guidate e degustazioni in-festanti. Tema dell’edizione 2023, l’abbandono alla provincia: forma di condanna o salvezza dall’omologazione?

     

    ARTE E RIGENERAZIONE URBANA

    Tra le novità dell’edizione 2023 (la seconda dopo quella dello scorso anno dedicata alla «spontaneità» e l’edizione “zero” del 2019 intitolata al Tanaro) spicca il progetto Urban Culture – Arte nello spazio pubblico. L’Associazione Ragazzi del Roero in collaborazione con lo street artist Pablo Pinxit e il curatore Christian Gancitano coinvolgeranno nella settimana precedente al festival i ragazzi delle scuole medie e superiori del Roero in una “sfida artistica” di Urban Regeneration, ovvero rigenerazione degli spazi comuni attraverso l’arte. Dal 24 al 26 maggio Pinxit, Gancitano e i Ragazzi del Roero collaboreranno attivamente alla trasformazione del perimetro del Centro Sportivo di Magliano Alfieri in un’opera d’arte murale collettiva, uno spazio «rigenerato» che resterà in dono alla collettività e che verrà inaugurato proprio durante la due giorni di Urtija, domenica 28 maggio alle ore 11.00.
    I PROTAGONISTI
    Urtija sarà soprattutto “abbandonarsi” al cinema, alla musica, all’enologia consapevole e alle arti che hanno scelto di raccontare la provincia. Sotto il segno dell’ortica si alterneranno gli artisti Martina Gagliardi e Giovanni Botta, il regista Remo Schellino, il cuoco camminatore Francesco Sabatini, la paesaggista Agnese Caprioli, gli enologi resistenti di CBD e Cascina Barbàn (progetto agricolo di Maurizio Carucci, Ex-Otago), i brewers de I Malpensanti e di Nuove Rotte.
    Il tutto accompagnato da una “pungente” selezione musicale che sabato 24 maggio a partire dalle 21.00 porterà sul palco del belvedere di Magliano le intransigenti sonorità indie-soul di Sleap-e; i quattro quarti del padre nobile del rap italiano Bassi Maestro con il progetto North of Loreto; e, all’interno della Chiesa secentesca dei Battuti Rossi, la gioia sonora di El Maradona, il primo «Picó d’Europa», coloratissimo soundsystem artigianale ispirato agli omonimi Picó colombiani che da sempre animano le feste sudamericane.
    La domenica, spazio al pranzo comunitario, alle passeggiate letterarie immersi nella natura, alle contaminazioni tra pittura e musica dei Sub_Aud e alla riscoperta di vini e birre resistenti all’oblio. In sottofondo, il dj set di Radio Fujot che fa subito estate ballerina.
    Urtija è il festival “collettivo” in provincia e per la provincia organizzato dalle associazioni Amici Castello Alfieri, Tanaro Libera Tutti, Ragazzi del Roero e Chiamatemi Ismaele con il patrocinio del Comune di Magliano Alfieri.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio