Segnale Rai “a singhiozzo” in Alta Langa diventa una questione in Consiglio regionale

Segnale Rai “a singhiozzo” in Alta Langa diventa una questione in Consiglio regionale

TORINO – Alla data di ieri, 4 dicembre, il Consigliere Regionale Maurizio Marello ha presentato presso il Consiglio un Ordine del Giorno concernente difficoltà rilevate sul territorio regionale nella visione dei canali Rai.

Sono infatti pervenute al Consigliere segnalazioni di disservizi nella ricezione in Alta Langa dei canali Rai, in particolare del terzo e del Telegiornale Regionale del Piemonte.

Anche i numeri confermano questa situazione: sulla base dei dati raccolti dal Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni) a febbraio 2019 circa 150mila abitanti del Piemonte erano impossibilitati a ricevere il segnale Rai regionale, circa il 13% della popolazione considerata nell’indagine. Una cifra che salirebbe al 19% per le aree montane e collinari. All’ultimo monitoraggio hanno risposto 423 Comuni, in rappresentanza di 1.157.237 abitanti. L’indagine ha rivelato inoltre che le aree più critiche sono rappresentate dal Cuneese (in particolare l’Alta langa), la Valle Elvo (nel Biellese) e le Valli del Monviso.

«Ho chiesto che il Consiglio impegni la Giunta Regionale per intervenire nelle sedi competenti, ovvero presso la Rai, e risolvere questa difficoltà» – ha spiegato Marello – «I cittadini dell’Alta Langa pagano il servizio come tutti gli altri e questo problema, ormai a cadenza periodica frequente, crea un disagio che va eliminato al più presto».

Ti potrebbero interessare anche: