Dal CuneeseAttualità

Savigliano rimanda la “Festa del Pane” al 2022: “Non ci sono le condizioni per realizzare l’evento, non si trovano i materiali”

L’incertezza legata alla situazione pandemica generale e ai suoi molteplici effetti collaterali hanno costretto la Fondazione Ente Manifestazioni Savigliano a posticipare al prossimo anno l’evento

L’XI edizione della Festa del Pane di Savigliano è stata rimandata al 2022. L’incertezza legata alla situazione pandemica generale e ai suoi molteplici effetti collaterali, hanno costretto la Fondazione Ente Manifestazioni Savigliano a posticipare al prossimo anno lo svolgimento della Festa del Pane.

“Ad oggi non ci sono le condizioni minime per l’organizzazione dell’evento – spiega Andrea Coletti, presidente della Fondazione Ente Manifestazioni Savigliano -. Non è certo il rispetto delle misure e dei protocolli a preoccuparci, a partire dal Green Pass. Il principale ostacolo allo svolgimento della Festa del Pane è stato il reperimento delle forniture necessarie alla sua realizzazione. Ci siamo rivolti ad aziende specializzate presenti su tutto il territorio nazionale, ma per diverse ragioni (tutte riconducibili direttamente o indirettamente al Covid, ndr) i rivenditori e i costruttori non ci hanno confermato la disponibilità dei prodotti”.

La Festa del Pane è un evento di piazza caratterizzato da impianti e strutture; la produzione di pane e focaccia richiede, oltre al contributo dei panificatori, un congruo numero di materiali come forni, celle di lievitazione, frigoriferi, impastatrici… tutti prodotti professionali che la congiuntura internazionale ha reso scarsamente reperibili a causa dell’impossibilità di reperire la materia prima. I costruttori non possono lavorare, i rivenditori non hanno prodotto e, contemporaneamente, gli sgravi fiscali e gli incentivi promossi dal governo hanno indotto molti panificatori in Italia a investire su nuove attrezzature. In questo contesto, noleggiare questi materiali per qualche giorno è impossibile, non c’è disponibilità di prodotto.

“La Festa del Pane è sempre stata un’occasione di incontro tra panettieri e pubblico, un festoso momento di ritrovo per tutta la filiera degli operatori del settore, fino a quando non riusciremo a garantire che questo possa di nuovo avvenire, eviteremo di snaturarla o deludere le aspettative – conclude Coletti -. Ci siamo confrontati a lungo tra i membri del Consiglio di amministrazione della Fondazione Ente Manifestazioni Savigliano e anche a nome dell’Assemblea dei Soci che rappresentiamo abbiamo dovuto constatare con grande dispiacere che purtroppo la complessità della pandemia che ci ha travolto va ben oltre la pericolosità del Covid, ma ha delle ricadute dirette e indirette di ordine pratico, soprattutto sull’organizzazione degli eventi”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button