ALBASanità

Sanità, Icardi: sul Covid non abbassare la guardia Case della Salute: ACA sollecita l’avvio del progetto albese

ALBA – L’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi, è stato ospite venerdì 1 aprile del Consiglio direttivo dell’Associazione Commercianti Albesi.

Al centro dell’incontro, i temi della sanità, il cui dicastero regionale retto dall’ex sindaco di S. Stefano Belbo è stato negli ultimi due anni punto cruciale di riferimento nell’ambito della strenua lotta al Covid-19, compresa la massiccia campagna vaccinale alla quale ACA, insieme al Poliambulatorio San Paolo, ha dato un consistente aiuto raggiungendo nel proprio centro circa 16.000 somministrazioni.

Icardi ha riferito dei vari aspetti connessi all’intensa e complessa operatività regionale nella gestione della pandemia, che ha portato a delineare l’attuale situazione di allentamento delle restrizioni pur in un clima di cautela e massima responsabilità nei comportamenti, per impedire nuove ondate di contagio nei prossimi mesi.

L’occasione è stata propizia per affrontare un altro importante tema, in qualche modo collegato alla pandemia: la riorganizzazione della sanità territoriale. Gli eventi dell’ultimo biennio hanno indotto la politica regionale a attente riflessioni sulle carenze che l’emergenza ha evidenziato, spingendo la nuova configurazione degli assetti: ormai avviato il cammino dell’ospedale “Michele e Pietro Ferrero” di Verduno verso la realizzazione di servizi di eccellenza (grazie anche al costante supporto della Fondazione Ospedale Alba Bra Onlus), la progettualità riguarda ora i presìdi cittadini e periferici, le cosiddette “case della salute”, presso le quali la cittadinanza potrà trovare servizi sanitari più ordinari e vicini. Mentre tali realtà già esistono e sono in corso di implementazione nei centri principali del territorio, ad Alba resta ancora da realizzare il presidio, nel sito attualmente occupato dall’ex ospedale San Lazzaro. Qui, la Regione Piemonte ha rinunciato a riscuotere dall’AslCn2 i proventi della vendita all’asta andata deserta, mentre la Fondazione Crc (in quanto componente della Ream, la sgr espressione di tutte le fondazioni bancarie piemontesi) ha da tempo dato la disponibilità a finanziare la ristrutturazione.

«È quantomai urgente che il procedimento si sblocchi – sollecita ACA tramite il suo presidente Giuliano Viglione – perché l’area in cui insiste il “San Lazzaro”, svuotato quasi completamente di servizi e personale, rischia di andare incontro ad un rapido degrado. Il tessuto commerciale di quella porzione di città aveva già subito le conseguenze negative della chiusura del tribunale, oggi in parte mitigate dal riutilizzo dei locali del Palazzo di Giustizia. La crisi in atto e la pandemia hanno se possibile aggravato la situazione, per cui un recupero edilizio, architettonico e funzionale della porzione urbanistica che fu dell’ospedale potrebbe dare nuovo impulso ad un’area albese molto vasta inserita nel contesto del centro storico. Senza tralasciare, ovviamente, sia le ricadute in termini di prestazioni sanitarie alla popolazione locale, sia la maggiore sicurezza percepita nel momento in cui la zona tornerà ad essere molto frequentata ed anche esteticamente più gradevole».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button