ALBACultura e Spettacoli

Oggi alle 13 appuntamento con il quinto Talk di ACAdemy: si parla di “Ripartenze”

Anche se le nostre menti indugiano ancora nel ricordo delle vacanze, c’è poco da fare: è arrivato Settembre – e, forse, non ci dispiace poi così tanto tornare alle tisane calde, ai tappeti di foglie che scricchiolano e alle castagne che si abbrustoliscono. Noi, in particolare, non vedevamo l’ora di poter riprendere l’avventura di ACAdemy, e speriamo che anche voi siate pronti ad accogliere la nuova stagione dopo una bellissima estate.

Sì, perché dopo l’estate, viene l’autunno. E, oltre ai cardigan e alle sciarpe di lana, l’aria frizzantina porta con sé le celebrazioni più amate (e temute) da tutti: i matrimoni!

Ma voi lo sapevate che ogni anno il numero dei matrimoni sembra inspiegabilmente legato al numero delle rondini che volano in cielo? O meglio, una spiegazione c’è. La primavera e l’autunno, infatti, periodo di matrimoni per antonomasia, sono anche le stagioni in cui le rondini migrano e riempiono il cielo con i loro garriti. In statistica, il tipo di relazione che unisce rondini e matrimoni si chiama correlazione spuria. Una correlazione è detta spuria quando due fenomeni risultano statisticamente correlati tra loro, ma non legati da un rapporto causa-effetto. Per dirla più semplice: due fatti che non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro sembrano comunque legati da un filo invisibile. Interessante, no? Talmente interessante che Tyler Vigen, ex studente di legge ad Harvard, grazie a un algoritmo da lui sviluppato ha deciso di raccogliere più di ventiquattromila esempi di correlazioni spurie nel sito Spurious Correlation. Ce n’è davvero per tutti i gusti. E se un giorno vi viene voglia di riflettere sulle leggi segrete dell’universo (almeno, quelle che connettono le cose tra di loro), adesso sapete dove andare a cercare rifugio.

Ora, però, veniamo a noi. Perché le curiosità sono divertenti, ma non dobbiamo dimenticare che la statistica è anche – e soprattutto – una cosa seria, che ci aiuta a destreggiarci in un presente intricatissimo senza perdere mai il suo fascino naturale. Un fascino che, è certo, deve aver subito anche il nostro prossimo ospite.

Giuseppe De Rita, classe 1932, è uno dei più grandi sociologi ed economisti italiani. Dopo gli studi in giurisprudenza, dà avvio alla sua carriera in SVIMEZ, l’Associazione per lo sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno, diventando ben presto Responsabile della sezione sociologica. Poi, a proposito di statistica, nel 1964 è uno dei soci fondatori del CENSIS, importantissimo istituto di ricerca di cui è attualmente Presidente. E ancora, è stato per più di dieci anni Presidente del CNEL (il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), e per tutto questo tempo ha svolto – e continua a svolgere tutt’oggi – un ruolo fondamentale nei dibattiti che hanno visto protagonista lo sviluppo della nostra società.

Volete sentire cos’ha da dire su questo presente di ripartenze in tutti i  sensi?

L’appuntamento con il quinto Talk di ACAdemy è per domani, venerdì 10 settembre alle ore 13.00, sul nostro canale YouTube e sulla nostra pagina Facebook.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button