dal PiemonteEconomia & Lavoro

Nell’anno del Covid il 51% delle aziende ha lanciato nuovi prodotti

Canali digitali di vendita, lancio di nuovi prodotti, degustazioni on line con grande attenzione verso i consumatori finali. Su queste linee si sono mosse le aziende vinicole italiane e i consorzi di tutela per fronteggiare la crisi provocata dalla pandemia di Covid.

E i risultati al termine del periodo più buio sono stati giudicati soddisfacenti dagli stessi enti e cantine. Lo rivela la ricerca ‘Il vino 2021. One year after’, commissionata dal Consorzio Tutela Gavi docg, condotta dallo Iulm Wine Institute (Iwi) n collaborazione con l’Unione Italiana Vini (Uiv), Il Corriere Vinicolo e Wine News e curata dal Prof. Massimiliano Bruni.
Oltre il 94% delle cantine ha giudicato positivamente le iniziative intraprese durante il periodo Covid: hanno aumentato la notorietà dei prodotti/marchi (82,9%), hanno permesso di esplorare nuove forme di comunicazione (80,0%), nuove forme di vendita (54,3%) e infine hanno assicurato volumi addizionali (25,7%).
Il 51% delle aziende vinicole ha reagito alle difficoltà lanciando nuovi prodotti e ha seguito la strada delle degustazioni on line, dell’apertura di un negozio on line di proprietà, del tour virtuali. Ma soltanto il 9% ha utilizzato la realtà aumentata. “Risulta evidente – commenta Bruni, direttore IWI – come nelle aziende e nei consorzi di promozione e tutela vi sia la convinzione di aver appreso esperienze nuove e di aver sviluppato competenze utili, così come si è affermata la volontà di portare avanti queste azioni e attività anche nel medio lungo periodo”.
Per quanto riguarda i consorzi, nel campo della comunicazione con i consumatori è stato incrementato notevolmente l’uso di Instagram (86%) e Facebook (82%), così come quello del sito web proprietario (75%).
Il 57% dei Consorzi idi Tutela del Vino interpellati nella ricerca ha coinvolto blogger e influencer in iniziative social; altri invece si sono impegnati nella promozione dell’e-commerce delle aziende associate (43%).
Inoltre, il 64% ha intensificato / introdotto iniziative di degustazione online. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button