Dal CuneeseAttualitàEventi

La Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola è pronta a svelare la nuova identità

Giovedì 17 marzo alle ore 11 l’inaugurazione della 39a edizione nell’area fieristica di via Alba

Giovedì 17 marzo 2022 alle ore 11, presso l’Area Fieristica di Via Alba a Savigliano, all’interno del Padiglione Agrimedia, avrà luogo l’inaugurazione della 39a edizione della Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola. Per partecipare all’evento inaugurale è necessario essere in possesso del Green Pass Rafforzato e confermare la propria presenza entro martedì 15 marzo inviando un’email a info@entemanifestazioni.com. La 39a edizione della Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola di Savigliano resterà aperta fino a domenica 20 marzo 2022 tutti i giorni con orario continuato dalle 9 alle 19. L’ingresso è gratuito, ma per entrare è necessario essere in possesso del Green Pass Rafforzato. La più grande rassegna di settore del Nord-Ovest è organizzata dalla Fondazione Ente Manifestazioni di Savigliano con i patrocini della Regione Piemonte, della Provincia di Cuneo e della Camera di Commercio di Cuneo. Per avere aggiornamenti e maggiori informazioni telefonare allo 0172/712536 o consultare i siti Internet www.fierameccanizzazioneagricola.it.

“Mai Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola è stata più attesa di quella di quest’anno – commenta Andrea Coletti, presidente dell’ente organizzatore, la Fondazione Ente Manifestazioni di Savigliano -. Non solo perché abbiamo dovuto rimandare l’evento sia nel 2020 che nel 2021, ma soprattutto perché il giorno dell’inaugurazione sveleremo a tutti la nuova identità della manifestazione, frutto dell’intenso lavoro svolto dietro le quinte in questi due anni di astinenza forzata, nel corso dei quali abbiamo immaginato e progettato il futuro di un evento che farà della ricchezza di contenuti il perno del suo sviluppo”.

Oltre 260 gli espositori che hanno trovato posto negli 850 spazi espositivi allestiti sui 49.000 metri quadrati dell’area fieristica, provenienti da 21 province e 8 regioni italiane oltre che dalla Francia. Numeri che confermano quelli dell’ultima edizione della fiera, svoltasi tre anni fa prima dell’arrivo della pandemia, ma che data l’impossibilità di organizzare l’evento negli ultimi due anni a causa del Covid non erano per nulla scontati. All’interno dell’area espositiva troveranno spazio i due padiglioni coperti Ecotech e Agrimedia: il primo è dedicato ai temi dell’efficienza energetica, delle energie rinnovabili e della tecnologia in agricoltura, mentre nel secondo si succederà un ricco calendario di convegni e appuntamenti per addetti ai lavori e appassionati realizzato con il contributo della Fondazione CRC e curato da Costantino Radis. Gli eventi di Agrimedia sono stati organizzati da alcune associazioni di categoria (Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato), Arproma (Associazione revisori produttori macchine agricole), Cma (Consorzio Monviso Agroenergia) e Associazione Trattori e Trattoristi, che all’interno dell’area espositiva ha allestito anche uno spazio riservato ai veicoli storici.

Tra i servizi di ristorazione a disposizione dei visitatori tre aree food, un padiglione ristorante gestito dal Picchio Rosso Group e due bar gestiti da Bosio’s Sandwichshop e  Cibarti Street Food dal 1936. Presso il padiglione Ecotech. Presso il padiglione Ecotech sarà allestira un’area relax a cura di TRS Radio e Múses – Accademia Europea delle Essenze. Nel week-end sarà in funzione una navetta gratuita: sabato 19 marzo il servizio sarà attivo dalle 14,30 alle 18,30 sulle due tratte (Marene, Piazza Carignano – Savigliano, Area Fieristica e Savigliano, parcheggio Conad Via Mellonera – Palazzetto dello Sport / Parcheggio coperto Ospedale, Via Arciretto – Passaggio a livello via Ottavio Moreno). Domenica 20 marzo la navetta sarà in funzione dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 14 alle 18,30 su tre percorsi diversi: Marene, Piazza Carignano – Savigliano, Area Fieristica; Savigliano, parcheggio Conad (Via Mellonera) – Palazzetto dello Sport/Parcheggio coperto Ospedale (Via Arciretto) – Passaggio a livello via Ottavio Moreno; Cavallermaggiore, parcheggio Cupole – Area commerciale Mercatò (Via Torino) – Passaggio a livello Via Ottavio Moreno.

Per chi arriva con mezzi propri saranno disponibili diversi parcheggi in Savigliano (Piazza Schiapparelli; Coop, Via Galimberti 10-12; Conad, Via Mellonera; Palazzetto dello Sport / Parcheggio coperto Ospedale, Via Arciretto; area commerciale Mercatò, Via Torino), ma anche a Marene (Piazza Carignano) e Cavallermaggiore (Piazzale Cupole), da dove sabato e domenica potrà raggiungere l’Area Fieristica con la navetta).

Oltre 260 gli espositori che hanno trovato posto negli 850 spazi espositivi allestiti sui 49.000 metri quadrati dell’area fieristica, provenienti da 21 province e 8 regioni italiane oltre che dalla Francia. Numeri che confermano quelli dell’ultima edizione della fiera, svoltasi tre anni fa prima dell’arrivo della pandemia, ma che data l’impossibilità di organizzare l’evento negli ultimi due anni a causa del Covid non erano per nulla scontati. All’interno dell’area espositiva troveranno spazio i due padiglioni coperti Ecotech e Agrimedia: il primo è dedicato ai temi dell’efficienza energetica, delle energie rinnovabili e della tecnologia in agricoltura, mentre nel secondo si succederà un ricco calendario di convegni e appuntamenti per addetti ai lavori e appassionati realizzato con il contributo della Fondazione CRC e curato da Costantino Radis. Gli eventi di Agrimedia sono stati organizzati da alcune associazioni di categoria (Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato), Arproma (Associazione revisori produttori macchine agricole), Cma (Consorzio Monviso Agroenergia) e Associazione Trattori e Trattoristi, che all’interno dell’area espositiva ha allestito anche uno spazio riservato ai veicoli storici. Tra i servizi a disposizione dei visitatori tre aree food, un padiglione ristorante gestito dal Picchio Rosso Group e due bar gestiti da Vona Alex e Bosio Andrea.

“Mai Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola è stata più attesa di quella di quest’anno – commenta Andrea Coletti, presidente dell’ente organizzatore, la Fondazione Ente Manifestazioni di Savigliano -. Non solo perché abbiamo dovuto rimandare l’evento sia nel 2020 che nel 2021, ma soprattutto perché il giorno dell’inaugurazione sveleremo a tutti la nuova identità della manifestazione, frutto dell’intenso lavoro svolto dietro le quinte in questi due anni di astinenza forzata, nel corso dei quali abbiamo immaginato e progettato il futuro di un evento che farà della ricchezza di contenuti il perno del suo sviluppo”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button