La Diocesi di Alba contro Salvini

1484
Sventola il rosario a un comizio. L'attuale ministro degli Interni Matteo Salvini in una foto della campagna elettorale

Nell’ultima seduta del Consiglio pastorale diocesano albese è stato approvato all’unanimità un documento che a partire dal “Libro sinodale” prende chiaramente posizione contro gli usi impropri che, soprattutto a livello politico, si fanno dei simboli di fede e sul tema degli immigrati.

Da una parte si esprime «amarezza nel vedere come la fede cristiana venga ridotta a uno stendardo, a simbolo identitario, a strumento di disgregazione sociale», con «inganno» e  per «esclusivi fini di potere e di protagonismo».

Si rimane perplessi di fronte al fatto che «l’immigrazione sia affrontata solo in modo strumentale per guadagnare un po’ di elettorato», con una «previa ben confezionata manipolazione», per «distogliere l’attenzione e non dare risposte ai tanti problemi degli italiani».

Il Consiglio pastorale è deluso perché su questi temi «sono taciute o irrise le proposte che vengono dal ricco tessuto della società civile». E mentre si riconosce «nella linea tracciata da papa Francesco e dall’intera Chiesa italiana», ringrazia i credenti albesi che «con generosità, senza urlare, danno ogni giorno risposte concrete e visibili ai bisogni di italiani e stranieri», respingendo «ogni tentativo meschino e interessato di dividere la comunità proprio sul tema dell’amore accogliente, essenza dell’identità cristiana».