dal PiemonteAttualità

Il 2022 è stato caldo e secco dal principio alla fine

L’anno 2022 si era aperto con il Piemonte interessato da un’area di alta pressione di matrice africana; Capodanno 2022 ha registrato una temperatura media di 9.6°C in Piemonte valore superiore di 8.5°C alla norma del periodo 1991-2020 e picco assoluto per il primo giorno dell’anno.

La situazione meteorologica caratterizzata da una struttura anticiclonica di origine africana sul Mediterraneo con diretto interessamento del territorio piemontese è stata una configurazione barica ricorrente nel corso dell’anno 2022, risultato sul Piemonte il più caldo e il secondo meno piovoso dell’intera serie storica dal 1958.

La temperatura media annuale è risultata pari a 11.4°C, con un’anomalia positiva di +1.5°C rispetto alla norma del periodo 1991-2020.

temperature

Andamento della temperatura media giornaliera in Piemonte nell’anno 2022 con anomalia termica rispetto alla climatologia del periodo 1991-2020

Analizzando l’andamento giornaliero, notiamo come l’anomalia termica negativa sia stata presente con una buona frequenza e continuità solo a marzo e aprile (unici mesi ad avere avuto una temperatura inferiore alla norma degli anni 1991-2020), nell’ultima decade di settembre e nelle prime due di dicembre. Lo scostamento termico positivo è stato marcato soprattutto durante l’estate, risultata la seconda più calda dopo il 2003. Sostanziale assenza di giorni più freddi della norma anche a ottobre 2022, con prima posizione rispettiva serie storica dei mesi più caldi. Da citare anche il secondo posto di gennaio e maggio 2022.

Nonostante l’estate 2022 sia risultata la seconda più calda dopo quella del 2003, i primati termici annuali sono risultati quasi assenti, con l’unica eccezione del primato di Passo del Moro (VB), a 2820 m con 23.7°C il 27 giugno 2022. Inoltre, non sono stati raggiunti i 40°C come avvenuto in diverse estati passate.

La caratteristica termica principale dell’annata 2022 è stata quindi quella di una temperatura frequentemente al di sopra della norma climatica, piuttosto che di periodi brevi di anomalie termiche positive intense come spesso accaduto in passato.

La precipitazione cumulata dell’anno 2022 in Piemonte è stata di 611.9 mm, con un deficit pluviometrico di -417.6 mm (pari al 41%) nei confronti della media climatica del trentennio 1991-2020. L’anno solare 2022 è risultato il secondo più secco dopo il 2001.

 

La figura mostra l’anomalia di precipitazione nell’anno 2022 rispetto alla media climatologica 1991-2020. Dal quadro complessivamente deficitario emergono, da un lato le Alpi occidentali con anomalie più contenute e dall’altro il torinese e l’alessandrino dove l’anomalia annuale è stata di oltre -50% e localmente raggiunto i valori di -60%.

Quasi tutti i mesi hanno registrato una precipitazione inferiore alla norma del periodo 1991-2020; uniche eccezioni agosto, risultato il mese più piovoso dell’anno, e dicembre, che ha avuto la maggiore anomalia pluviometrica positiva.

tabella.png

Precipitazioni cumulate medie mensili in Piemonte nel 2022. Per ciascun mese è riportata l’anomalia percentuale dalla norma 1971-2000, la posizione relativa rispetto al mese corrispondente più secco o più piovoso dell’intera serie storica. In arancione i mesi siccitosi (i soli mesi nelle prime 10 posizioni storiche), in blu quelli più piovosi

Nel corso dell’anno sono state rilevanti anche le condizioni di siccità, prolungata e diffusa, che ha inciso in modo eccezionale sulle risorse naturali ed ambientali.

Il fenomeno è partito già nella stagione invernale 2021-2022, con un lungo periodo di giornate secche (precipitazione giornaliera inferiore a 5 mm/24h) compreso tra il 9 dicembre 2021 e il 29 marzo 2022; tale serie di 111 giorni si è posizionata ufficialmente al 2° posto tra i periodi secchi invernali più lunghi degli ultimi 65 anni, dopo la stagione 1999-2000 (137 giorni): gennaio, febbraio e marzo sono stati i tre mesi più secchi e con la maggiore anomalia negativa.

Le condizioni di scarsità di precipitazioni meteorologiche si sono quindi protratte anche in estate, quando sono state interrotte solo da brevi episodi temporaleschi, ed infine anche in autunno quando le piogge scese sono state la metà di quello che normalmente cade in questa stagione che è solitamente la più piovosa dell’anno in Piemonte.

L’analisi storica su Torino, elaborata dalla Società Meteorologica Italiana unita ai dati più recenti di Arpa Piemonte, evidenzia un doppio primato in oltre due secoli di misure (1753 per le temperature e 1803 per le precipitazioni): anno più caldo con 16°C e meno piovoso con 310 mm.

Rispetto alla norma del periodo 1991-2020, l’anomalia termica positiva annuale è +1.6°C mentre il deficit pluviometrico è pari a 587.8 mm (pari al -65%).

torino temperatura

Andamento delle temperature su Torino

torino anni siccitosi

Precipitazioni cumulate annue registrate a Torino dal 1803: annate più siccitose

 

 

 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button