Grandi Langhe 2019: intervista a Giacomo Ascheri

317

Per due giorni il Palazzo Mostre e Congressi di Alba ha ospitato la quarta edizione di Grandi Langhe, un evento esclusivo riservato agli operatori del settore, sia nazionali che internazionali. Nelle sale della struttura di piazza Medford erano presenti oltre 250 aziende che hanno presentato circa 1.500 etichette di prodotti a denominazione di origine controllata. Buyer, sommelier, enotecari e professionisti del vino provenienti da tutto il mondo hanno potuto degustare le migliori annate di Barolo, Barbaresco, Dogliani, Roero e Diano e non solo.

Sono stati due giorni intensi con presenze che sono andate ben oltre le aspettative. Soddisfatto il presidente del Consorzio Tutela Barolo Barbaresco e vini d’Alba, Giacomo Ascheri: «Grandi Langhe 2019 è stato un grande successo. Abbiamo voluto correre un rischio organizzando l’evento nel mese di gennaio, anche perché questo è un periodo interessante sia per gli addetti ai lavori che per i produttori. La scelta di accorpare tutti i produttori ad Alba, anche per evitare brutte sorprese dal punto di vista climatico è stata azzeccata. Tanti rischi, ma soddisfazione da parte di tutti». «