Forti raffiche di vento sulle nostre zone, domattina rischio gelate

Si devono agli effetti di una perturbazione nord atlantica di passaggio sull’Italia le forti raffiche di vento che da questa mattina si avvertono sulle nostre zone e su tutto il Piemonte.

La scorsa notte foehn è soffiato con raffiche sulle vette di montagna oltre i 100 kmh orari, con il picco sulla Gran Vaudala, tra Piemonte e Valle d’Aosta: l’anemometro della stazione Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha registrato un massimo di 157 km/h; raffiche a 108 km/h sul Monte Fraiteve, sopra Sestriere, 97 sul Colle Barant, nel Pinerolese. Più a valle, a Susa il vento ha toccato la velocità di 83 kmh, alla periferia di Torino raffiche a 64 km/h.

Questo pomeriggio la situazione dovrebbe tornare quasi alla normalità. I meteorologi prevedono per domani, martedì 12 marzo, un crollo delle temperature con rischio gelate. Il vento tornerà a ripresentarsi mercoledì quando è attesa anche qualche nevicata sui rilievi alpini di confine. Nessuna pioggia in pianura, dove si prolunga l’ormai lunga e preoccupante siccità.