ALBAAttualità

DNA Alba: L’albesità esiste. Siamo intraprendenti, laboriosi, ma anche un po’ snob ed arroganti

A cinque mesi dalla presentazione del progetto di comunità “DNAlba”, giovedì 18 novembre il Pala Alba Capitale ha ospitato il primo momento di verifica delle corpose riflessioni sul concetto di albesità, oggetto della ricerca alla quale stanno lavorando 15 partner del territorio del mondo della comunicazione, dell’imprenditoria e della scuola. Sul palco del Pala Alba Capitale – dove è stato ricostruito l’angolo di piazza Ferrero dove, sotto l’occhio vigile dell’orologio, si sono dati appuntamento generazioni di albesi – la giornalista RAI Chiara Prato e il responsabile delle relazioni esterne di Banca d’Alba Paolo Taricco hanno accolto e dialogato con le varie voci che hanno valutato il genoma della capitale delle Langhe.

Esposte le tesi, esaminate le testimonianze e valutate le prove (anche con il contributo del sociologo Filippo Barbera) è apparso chiaro che l’alchimia chiamata “albesità” esiste eccome. Non per tutti è un pregio, sarebbe invece indice di arroganza e snobismo, ma sul fatto che i cromosomi “made in Alba” siano un po’ speciali proprio non si discute. Lo hanno dimostrato, e il fatto che il risultato emerso dalle indagini non sia stato plebiscitario rafforza il valore del lavoro investigativo, i contenuti e le considerazioni dei testi che si sono avvicendati sul palco. E’ dunque apparso molto probabile, davvero molto, che l’albesità abbia un fondamento (quasi) genetico. Nel corso della storia quindi, in un momento che non è dato sapere e per cause naturali, potrebbe essersi verificata una “mutazione favorevole”, ovvero in grado di meglio adattare gli albesi all’ambiente e alle circostanze, e quindi trasmissibile giunta fino a noi. L’espressione della mutazione avrebbe creato le caratteristiche proprie dell’albesità: coraggio, intraprendenza, determinazione, amore per il lavoro e il piglio (gheddu?) che caratterizza la specie.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button