Dal CuneeseEconomia & Lavoro

Confartigianato Cuneo organizza un corso per formare gli Autoriparatori sulle nuove tecnologie della mobilità sostenibile

Il futuro della mobilità è elettrico e sostenibile. Uno scenario elaborato da Mouts-e (la prima associazione italiana costituita su impulso dei principali operatori industriali, del mondo accademico e dell’associazionismo ambientale e d’opinione) prevede che entro il 2030 circoleranno nelle nostre strade circa 5,3 milioni di veicoli elettrici. Le prospettive tratteggiano una forte presenza (circa l’83%) di veicoli elettrici “puri” (BEVs) rispetto a soluzioni termiche supportate da motori elettrici (PHEVs).

Questa inarrestabile transizione porrà nei prossimi anni immense sfide agli operatori del settore dell’Autoriparazione legati alla manutenzione dei veicoli come i Meccatronici e i Carrozzieri.

Per questi motivi Confartigianato Imprese Cuneo ha pianificato una formazione specializzata per gli Autoriparatori, con lo scopo di fornire concetti di base sul mercato dell’elettrificazione e sulle possibili evoluzioni future, insieme ad una formazione specifica, teorica e pratica, sui principali componenti, la gestione degli stessi e del veicolo come sistema.

Il corso, tra i primi in Italia e in Piemonte, della durata complessiva di 40 ore, prenderà avvio nel mese di dicembre 2022 e si articolerà su 5 giornate formative di 8 ore (tra i mesi di dicembre, gennaio e febbraio).

Le sessioni teoriche si svolgeranno presso la Sede provinciale di Confartigianato Imprese Cuneo. È prevista una sessione “pratica” in laboratorio.

Il corso è realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Cuneo e la collaborazione di Privé srl e Motus-e.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Formazione della Confartigianato Cuneo (tel. 0171451111 – formazione@confartcn.com).

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button