ALBAAttualità

Con l’evento “Startupper” al Pala Alba Capitale, protagoniste l’innovazione e la contaminazione delle competenze

Nel corso dell’incontro “Startupper”, alcune nuove realtà hanno presentato i loro progetti innovativi ad imprenditori, manager ed incubatori

Startup innovative a colloquio con aziende importanti e consolidate del territorio, per una contaminazione che può risultare vincente e creare nuove opportunità. L’idea è stata sviluppata nel corso dell’evento “Startupper”, l’ultimo step del programma dedicato all’Open Innovation organizzato da Confindustria Cuneo insieme al Politecnico di Torino e all’incubatore delle startup innovative I3P nell’ambito del ricco calendario degli eventi di Alba Capitale della Cultura d’Impresa.

Alcune startup, selezionate tra quelle che aderiscono al programma che Confindustria Cuneo ha ideato per loro ed altre individuate da I3P, hanno avuto la possibilità di presentare i loro progetti sul palco del Pala Alba Capitale: Profiter (intelligenza artificiale applicata al settore farmaceutico),  Inventio.ai (intelligenza artificiale in produzione), Yookey ( blockchain applicata al turismo esperienziale), Origosat (sicurezza dei segnali satellitari), Easyrain (automotive: soluzioni per contrastare l’aquaplaning), Apporta (logistica di impresa), Gregario (progettazione monoscocca su misura per l’industria ciclistica), Bluetcketing (controllo accessi dematerializzato utilizzando la tecnologia bluetooth), Young Platform (smart & digital bank). Quattro panelist d’eccezione: Bartolomeo Salomone, presidente di Ferrero Spa, Matteo Rossi Sebaste, presidente GGI Confindustria Cuneo, Leonardo Raineri, Innovation Manager del Gruppo Miroglio e Vincenzo Carnevali, senior consultant di I3P hanno ascoltato gli interventi per poi commentare, avanzare osservazioni, dare consigli attraverso un confronto diretto e molto proficuo.

Aperto dalle introduzioni del professor Giuseppe Scellato, presidente di I3P, che in collegamento ha spiegato il ruolo dell’incubatore come facilitatore di Open Innovation per le imprese, l’incontro, moderato dal responsabile Innovazione di Confindustria Cuneo Mauro Danna, si è chiuso con le considerazioni del giornalista Luca Orlando, caporedattore de Il Sole 24 Ore, che dopo aver seguito con interesse tutti gli interventi, ha promosso a pieni voti l’iniziativa: «La qualità dei progetti e delle idee, unita alla passione con cui sono stati presentati, è una prova del fermento innovativo che c’è in questo periodo in Italia. Finora, nel 2021 sono state registrate 3400 startup: siamo oltre il livello del 2020, che già rappresentava un record storico. Stiamo vivendo una fase di creatività assoluta, a cui il Covid ha dato una spinta notevole. Le aziende stanno aprendo le loro porte alle innovazioni: l’Open Innovation di cui, fino a qualche tempo fa, si discuteva nelle tavole rotonde, è realtà. La contaminazione tra business affermato e nuova imprenditoria sta avvenendo, coinvolgendo non solo le aziende piccole, ma anche i grandi gruppi ed è forse un modo per trattenere in Italia i nostri migliori giovani».

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button