dal PiemonteEconomia & Lavoro

Caro bollette, Bergesio, Gastaldi – Lega: “Bene che Governo recepisca proposte Lega”.

“Bene che il Governo abbia recepito le proposte della Lega per mitigare il caro-bollette. Il decreto da 3 miliardi di euro approvato ieri riduce sul gas l’IVA al 5% e sterilizza gli oneri di sistema della bolletta per tutti, diminuisce parte degli oneri di sistema della bolletta luce di famiglie e piccole imprese e rafforza lo sconto sul bonus sociale luce e gas per famiglie bisognose. Tutti punti che la Lega chiedeva con forza da giorni, anche nella propria mozione depositata sia in Senato che alla Camera”.
Lo dichiarano dalla Lega i Parlamentari cuneesi Giorgio Maria Bergesio e Flavio Gastaldi.
L’intervento da 3 miliardi del Governo mira a sostenere famiglie e imprese che dal primo ottobre dovranno affrontare la stangata delle bollette di luce e gas. Via gli oneri di sistema nella bolletta elettrica per tutti fino alla fine dell’anno. Il provvedimento prevede aliquota Iva al 5% sui consumi di gas metano e bonus sociale per circa 3 milioni di persone.
Dal primo ottobre al 31 dicembre 2021, 26 milioni di utenze domestiche fino a 16,5 kilowatt e 6 milioni di piccole e medie imprese con utenze in bassa tensione usufruiranno del taglio totale degli oneri generali di sistema nella bolletta elettrica. Il bonus sociale per i «clienti domestici economicamente svantaggiati» e per i «clienti domestici in gravi condizioni di salute» vale anche per il gas e coinvolge circa 2,5 milioni di persone che beneficeranno dell’azzeramento degli aumenti grazie ad un fondo di 450 milioni di euro. Per tutti gli altri utenti, civili e industriali, la bolletta subirà invece un taglio dell’Iva che dal 10 o dal 22% sarà ribassata al 5% su tutti i consumi di ottobre, novembre e dicembre.
“Dopo questo primo passo, serviranno azioni strutturali nell’ottica di una transizione ecologica sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale e per scongiurare in futuro ulteriori rincari in bolletta, a partire dalla revisione degli oneri di sistema per proseguire in sede europea con la diversificazione degli approvvigionamenti energetici del nostro Paese”, concludono Bergesio e Gastaldi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button