BRAScuola
In primo piano

Bra: lunedì il rientro sui banchi: “Fatto tutto per evitare Dad”

«L’evento più importante del settembre braidese non è Cheese ma la riapertura delle scuole». Con questo che non vuol essere solo uno slogan, il sindaco e assessore all’Istruzione Gianni Fogliato annuncia al “Corriere” «tutto pronto» per la ripresa delle lezioni il prossimo lunedì 13. L’auspicio è che questo anno 2021-2022 possa svolgersi regolarmente in presenza senza più ricorrere alla Dad, che significherebbe un ricacciarci indietro nel tunnel della pandemia. Fogliato ha incontrato tutti i dirigenti confermando il totale appoggio dell’Amministrazione, pronta anche a subentrare allo Stato se dovesse non confermare le integrazioni d’organico di personale Covid attivate l’anno scorso. «Mensa, bus, pre e post-orario saranno adeguatamente coperti, nel caso da personale pagato dal Municipio, senza aumenti di tariffe e con tutte le agevolazioni già concesse alle famiglie» – aggiunge il sindaco. Gli alunni della Primaria “a tempo pieno” di via Montegrappa troveranno ad accoglierli finalmente insonorizzate le aule ricavate d’urgenza l’anno scorso per aumentare il distanziamento sociale nell’allarme sanitario.

Quelli della “Don Milani” in Oltreferrovia più spazi per i laboratori, siccome la segreteria dell’Istituto comprensivo Bra 2 ha traslocato presso la Media di via Brizio. Sicuri anche in strada In attesa della ripartenza del Pedibus e del ritorno delle or­mai consuete isole pedonali negli orari d’ingresso e uscita presso la “cittadella degli studi”, tra le vie Craveri, Barbacana e dintorni, scatta oggi un’ulteriore ordinanza che dalle 7.30 alle 8.45 di tutti i feriali compresi nel calendario didattico vieta il transito motorizzato in via Provvidenza, accanto alla sede dell’omonima scuola paritaria d’Infanzia e Primaria.  Fogliato conclude con un sentito grazie «a tutti quanti hanno collaborato» in vista della ripresa e lancia un appello rivolto ai giovani e al personale scolastico: «Chi ancora non l’ha fatto si vaccini, tuteliamo un bene fondamentale della società».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button