BRACRONACA

Bra: le fototrappole incastrano i furbetti dei rifiuti

Nel corso del 2019 sono stati effettuati controlli giornalieri non solo finalizzati alla sanzione, ma anche e soprattutto all’informazione all’utenza, circa le modalità di corretto conferimento e separazione delle diverse frazioni di rifiuto.
Sono state tuttavia 13 le violazioni accertate per abbandono rifiuti sul suolo, in periferia ma anche in zone centrali del comune. Per questo tipo di infrazione, che è la più grave in materia, è prevista dal Codice dell’ambiente, una sanzione da 300 a 3.000 euro, con obbligo da parte del responsabile dell’abbandono di procedere al recupero e allo smaltimento dei rifiuti.

Altre 181 violazioni sono state accertate a carico di chi non conferisce in maniera corretta i rifiuti nei giorni di raccolta, senza per esempio procedere alla separazione di carta, plastica, frazione organica.
La disciplina in questo caso è dettata dal Regolamento comunale del servizio integrato per la gestione dei rifiuti urbani, che prevede sanzioni da 150 a 500 euro.

Nei casi più eclatanti di abbandono o per far fronte ad esigenze di accertamento di particolare rilevanza, interviene la Polizia Municipale, che nel corso del 2019 ha collocato in circa 40 località del centro urbano, delle frazioni e della periferia, le “fototrappole” in dotazione al Comando, che hanno permesso di individuare i responsabili ed accertare 11 violazioni del Codice dell’ambiente e del Regolamento comunale.

Tale attività di controllo e prevenzione è ripresa e continuerà nel corso del 2020. (Polizia Municipale)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button