Associazione a delinquere per furti e rapina: 7 arresti

Nella notte tra mercoledì 27 e giovedì 28 febbraio scorsi, nel corso di un’operazione congiunta che ha visto impiegati sul campo un centinaio di uomini della Polizia di Stato e dei Carabinieri di Cuneo, con il supporto della Questura e dell’Arma di Modena, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Cuneo, sono stati tratti in arresto 7 uomini, tutti nomadi sinti piemontesi, pregiudicati, ritenuti gli autori di una rapina e di 22 furti in abitazione consumati nelle province di Cuneo, Cremona, Reggio Emilia, Piacenza e Mantova, nel periodo compreso tra i mesi di settembre 2018 e gennaio 2019.

Il livello criminale dei 7 soggetti arrestati è tale da fare configurare per 4 di loro l’accusa di l’associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei gravi reati documentati.

In particolare, le risultanze investigative condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo e dal personale della Squadra Mobile di Cuneo hanno permesso di fare emergere la totale spregiudicatezza con cui gli indagati mettevano in atto i furti e l’accurata azione di pianificazione che precedeva e seguiva ognuno di questi. E’ stato così possibile appurare che i 7 si erano procurati una sicura sistemazione logistica in un appartamento della città di Modena, dove si rifugiavano dopo la commissione dei reati predatori nelle province limitrofe. Inoltre per garantirsi la buona riuscita dei colpi, in diversi di questi si presentavano presso gli obiettivi prescelti utilizzando segni distintivi in uso alle Forze dell’ordine (Carabinieri e Guardia di Finanza), quali pettorine, cappelli e tesserini di riconoscimento falsificati artigianalmente, così da carpire in prima battuta la fiducia delle vittime e assicurarsi infine una fuga indisturbata.

Il sodalizio si avvaleva altresì dell’utilizzo di strumenti tecnologici avanzati nonché di attrezzature e materiali idonei al taglio di casseforti e di veicoli di grossa cilindrata per i frequenti spostamenti tra le varie province.

Per quanto accertato gli arrestati, che non avevano alcun tipo di impiego lavorativo lecito, con il profitto delle razzie compiute arrivavano ad avere un guadagno mensile di oltre 25 mila euro a testa tra denaro contante e la successiva ricettazione dei preziosi abilmente sottratti. Tale provento veniva

utilizzato per foraggiare i successivi colpi, speso per mantenere un elevato stile di vita mondana e  per acquistare capi d’abbigliamento di alta moda e automobili di pregio.

Gli arresti sono stati materialmente eseguiti nei comuni di Magliano Alpi, Trinità frazione San Giovanni Perucca e di Modena, con un dispositivo imponente ma discreto, che ha permesso di portare a compimento gli arresti velocemente e in piena sicurezza.

Gli arrestati sono:

Adriano Barrero, 47enne, di Trinità;

Valerio Barrero, 42enne di Magliano Alpi;

Valter Barovero, 54enne di Vignolo;

Angelo Bresciani, 38 enne di Trinità;

Edoardo Bresciani, 45 enne di Magliano Alpi;

Giacinto Barrero, 35 enne di Magliano Alpi;

Ivan Aimo, 35enne di Mondovì.

FOCUS

GUARDIAMOCI INTORNO

Strada Ca’ del Bosco e quel cantiere che langue a Bra

Un lettore: Non so se faccio bene a rivolgermi al “Corriere” o dovrei scrivere a “Chi l’ha visto?” per ritrovare gli operai che ormai da un mese hanno smesso di lavorare in strad...

È vero che nessuno lo vuole, ma non vada a ramengo

Un lettore: Almeno tenete chiuse le finestre di questo palazzotto di proprietà del Comune in via Vittorio Emanuele II, pieno di centro di Bra… E’ vero che hanno provato a venderl...

Quelle caditoie infossate dopo le riasfaltature

Un lettore: E’ possibile, quando si riasfalta una strada, provvedere a sollevare il livello dei tombini di raccolta delle acque piovane? Se non lo si fa (vedasi per esempio via Cr...