ALBACultura e Spettacoli

Al cinema “A riveder le stelle”: Grande attesa per l’opera del regista albese Emanuele Caruso

Racconta l’esperienza di sei persone tra le selvagge montagne della val Grande

«Era il 5 marzo 2020 quando il Covid bloccò l’uscita in sala di questo film. Ora, dopo aver atteso 2 lunghi anni, finalmente siamo pronti per uscire nuovamente al Cinema, con una locandina, per l’occasione, completamente ridisegnata. Abbiamo aspettato, senza rendere il film visibile online, proprio per trovarci nuovamente in sala insieme per condividere questo viaggio sul grande schermo». Con queste parole, il regista albese Emanuele Caruso anticipa il debutto del suo ultimo film “A riveder le stelle”, che sarà proiettato in anteprima nel corso di tre appuntamenti esclusivi programmati nelle giornate del 3, 4 e 5 marzo a Torino, Alba (Cityplex 4 alle ore 20.30, con la presenza del regista in sala) e Domodossola. “A Riveder le Stelle” è un film diretto da Emanuele Caruso.

Si tratta di un documentario che racconta come un gruppo di sei persone si sia messo in cammino per sette giorni, percorrendo 36 km tra le selvagge montagne della Val Grande piemontese, per riscoprire le bellezze della natura. Un paesaggio lontano dall’artefizio umano, quello raggiunto da queste persone, che con questo docufilm, realizzato con due cellulari e un drone, alimentati a energia eco-sostenibile, pone l’attenzione sul problema del drastico cambiamento climatico in atto negli ultimi anni. Le conseguenze sono da attribuire all’uomo, che con il suo modus operandi errato sta distruggendo il pianeta, spinto da una società dei consumi che pone come atto di sopravvivenza dell’umanità il consumo, appunto, delle risorse del nostro pianeta. Questo viaggio a piedi in una terra di nessuno, popolata da animali selvaggi, è un invito a riflettere a come poter salvare il nostro mondo da un inferno infuocato, che noi stressi abbiamo acceso. Appuntamento, dunque al 3 marzo. Per informazioni e prevendite è on line il sito www.obiettivocinema.com

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button