dal PiemonteScuola

Scuola, in Piemonte si parte da situazione docenti ottimale

Abbiamo lavorato in modo che tutti i docenti di ruolo e anche i supplenti fossero a scuola già dal primo settembre, adesso sono rimasti posti residuali, quindi la situazione è ottimale, molte scuole sarebbero già in grado di offrire, anche la primaria, il tempo pieno fin dal primo giorno”.

A dirlo il direttore dell’Ufficio scolastico regionale del Piemonte, Stefano Suraniti, che ha inaugurato questa mattina il nuovo anno scolastico.

“Un anno che ci farà riscoprire l’importanza della relazione e la bellezza di un viso scoperto e che spero ci farà superare tutte le misure anti Covid”, sottolinea invitando poi gli studenti a “cogliere l’opportunità di riscoprire la relazione e dare a noi la possibilità di cogliere le loro emozioni. L’augurio che faccio è di essere sempre curiosi, di farci e di farsi delle domande, di utilizzare la scuola per essere più autonomi e criticamente costruttivi”.
Quanto al tema del caro energia e di eventuali misure da mettere in atto, Suraniti ricorda che “le scuole già da anni lavorano sulla sostenibilità energetica e quindi c’è già una cultura, poi se saranno necessari interventi di diverso tipo saranno le amministrazioni, soprattutto quelle locali, a intervenire . Noi possiamo fare opera di prevenzione e sensibilizzazione – conclude – affinché ci sia un uso consapevole delle risorse anche di quelle energetiche”

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button