Dal CuneeseAttualità

Sabato a Cuneo l’assemblea provinciale di + Europa Granda con il deputato Riccardo Magi

Si è tenuta sabato (14 gennaio) presso l’auditorium Varco a Cuneo l’assemblea precongressuale di +Europa Granda. Tra i tanti ospiti, presente anche il deputato Riccardo Magi, Presidente nazionale di +Europa. Ad aprire i lavori Flavio Martino, Coordinatore del gruppo locale, che ha subito citato Emma Bonino: “Vogliamo guardare alle future generazioni, non alle prossime elezioni. Ci vuole il coraggio di essere impopolari per non diventare antipopolari nella sostanza”. Tra i vari temi citati nella relazione di Martino, la guerra avviata Vladimir Putin e la solidarietà con la Resistenza ucraina, i diritti civili ma anche la questione delle proteste in Iran: “Il Governo ritiri immediatamente l’ambasciatore in Iran”.

Diverse le tematiche toccate da Flavio Martino, capolista di +Europa alle ultime elezioni, anche a livello locale su cui seguiranno delle iniziative nel prossimo periodo. Martino ha anche espresso soddisfazione per il risultato raggiunto nella nostra provincia con un lusinghiero 4,3% dei voti, con alcune punte nei comuni più importanti, come Cuneo (5,7%): “Tra i giovani siamo stati tra i partiti più votati con il 13% dei voti a livello nazionale”. Martino ha poi ricordato tante battaglie per i diritti civili, che sono parte dell’ereditá radicale, ma ha insistito sul fatto che +Europa è un progetto politico più ampio, e che il lavoro per aggregare altre realtà e sensibilità è prioritario.

Diversi gli interventi nel dibattito generale di altri partiti politici e sindacati: da Sara Tomatis (Vicesegretaria del PD ed Assessora del Comune di Cuneo) ad Andrea Vassallo (Segretario Provinciale di Azione) e Francesco Hellman (Coordinatore di Italia Viva). Anche la CGIL era presente, rappresentata da Laura Vaschetto. Apprezzato l’intervento di Denis Scotto, coordinatore di Fratelli d’Italia, che ha riconosciuto che il mondo radicale è sempre stato dialogante, anche con la destra, in tutte le fasi storiche. Toccanti anche gli interventi Elena Teteryatnik (esponente della comunità ucraina) e di Afshin Allivand (esponente della comunità iraniana).

In seguito, si è aperto il dibattito generale, con diversi interventi di iscritti e simpatizzanti: Stefano Grassini (+Europa Busca), Filippo Blengino (Tesoriere di +Europa Granda), Alexandra Casu (+Europa Fossano), Sabatino Tarquini (+Europa Cuneo), Alice Depetro (+Europa Alba), Andrea Turi (+Europa Torino), Matteo Hallissey (+Europa Bologna).

A chiudere i lavori Riccardo Magi, deputato e Presidente di +Europa: “I sondaggi alle scorse elezioni ci davano all’1%, in realtà abbiamo sfiorato di poco il 3%, pari ad 800 mila voti. Questo risultato ci deve spronare ad andare avanti, aperti al dialogo con altri soggetti ma mantenendo ben salda la nostra identità e i nostri contenuti.” Magi ha poi ricordato alcune battaglie antiproibizioniste che da anni porta avanti in parlamento, e ribadito la necessità di “un Paese che pensi ai giovani, che non carichi le loro spalle di pesi insostenibili dovuti a scelte errate”.

A margine dell’incontro Flavio Martino ha aggiunto: “Siamo molto soddisfatti della nostra assemblea sia per la buona partecipazione che per la ricchezza del dibattito, un ringraziamento anche ai tanti che hanno seguito i nostri lavori on line. Questo appuntamento ci sprona a continuare il nostro lavoro di radicamento sul territorio”.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button