Dal CuneeseEconomia & Lavoro

Poste Italiane: in provincia di Cuneo è boom dei pagamenti digitali

Superate le 100 mila carte Postepay nella provincia di Cuneo

CUNEO – Anche a Cuneo Poste Italiane si conferma leader nei servizi dei pagamenti digitali, grazie alle 100 mila carte PostePay.

In Italia, secondo le rilevazioni dell’Osservatorio Innovative payments del Politecnico di Milano il giro d’affari ammonta a 327 miliardi, +22% rispetto al 2020 nonostante l’annullamento del piano Cashback da parte del Governo Draghi. Abitudini sempre più consolidate sulla scia della pandemia e degli incentivi.

Le carte di pagamento di Poste Italiane, confermano, anzi superano il trend evidenziato, infatti nell’ultimo anno sono salite a 2 miliardi le transazioni con le 29 milioni di carte di pagamento di Poste Italiane, con un incremento nel 2021 del 29% rispetto all’anno precedente. Numeri che testimoniano il ruolo di Poste Italiane quale motore di trasformazione digitale del Paese per una società sempre più cashless.

Le carte di pagamento sono disponibili in molte versioni, tra cui la Postepay Evolution dotata di IBAN e la Postepay Evolution Business. Questi prodotti aggiungono alle normali funzioni di una prepagata anche quelle principali di un conto corrente e consentono, per esempio, di inviare o ricevere bonifici, domiciliare le utenze e ricevere l’accredito dello stipendio o della pensione.

In provincia di Cuneo sono state emesse il 12% delle carte totali attive in Piemonte, con Postepay Evolution e Postepay standard che la fanno da padrone, rispettivamente con una quota del 53% e del 35%.

A questi prodotti più tradizionali e consolidati si aggiunge l’ultima nata in casa Poste ovvero Postepay Green, la carta biodegradabile che ha l’obiettivo di tagliare il traguardo di 20 milioni di emissioni entro il 2025, ideata per i giovanissimi da 10 a 17 anni ed eletta come “Prodotto dell’anno 2022”.

Poste italiane ha inoltre deciso di accompagnare i cittadini della provincia di Cuneo verso la trasformazione digitale offrendo una carta completamente digitale. La Postepay Digital, che può essere richiesta direttamente da smartphone e tablet, consente di usufruire di tutti i servizi disponibili nell’App: dalle ricariche, al pagamento dei bollettini e dei trasporti, alla possibilità trasferire piccole somme di denaro su altre carte Postepay grazie al servizio ‘p2p’. Per conoscere tutti i prodotti disponibili e le loro caratteristiche è possibile consultare il sito https://postepay.poste.it/.

A supporto di tutti i cittadini in possesso di una Postepay, Poste Italiane mette inoltre a disposizione “Poste”, l’assistente digitale attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 inclusi i festivi. “Poste” è un’intelligenza artificiale rappresentata da un “faccino” giallo-blu in grado di indirizzare le esigenze dei possessori di carta PostePay, intervenendo su precisi casi di assistenza anche senza richiesta esplicita del cliente, proponendo, ad esempio, il recupero delle credenziali corrette dopo due inserimenti errati.

È possibile chiedere il supporto dell’Assistente Digitale “Poste” anche sui siti poste.it e postepay.it. Su questi spazi si presenta come un chatbot pronto a conversare con chi cerca informazioni o soluzioni ai problemi. Per richiamare “Poste” è sufficiente cliccare sull’apposito “oblò” in basso a destra nelle pagine. Contattando l’800.00.33.22 e selezionando il tasto dedicato ai servizi Postepay, inoltre, è comunque possibile interagire con l’Assistente Digitale “Poste” per trovare una soluzione al problema del cliente.

Nel caso in cui l’Assistente digitale, dai vari canali su cui si interroga, non sia in grado di trovare la soluzione, provvederà automaticamente a mettere in contatto il cliente con un operatore.

Poste Italiane a maggio di quest’anno celebrerà i suoi 160 anni, un traguardo importante a dimostrazione di come l’Azienda abbia sempre saputo affrontare le sfide del presente e del futuro.

“Poste Italiane è una platform company“- come l’ha definita di recente l’Amministratore Delegato Matteo Del Fante con un business diversificato resiliente e sostenibile”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button