Metti una sera a «bagnè ’nt leoli» per sostenere i progetti Slow Food

Riceviamo

da Silvia Gullino

e volentieri pubblichiamo.

Si fa in fretta a dire Bagnè ‘nt l’euli. Ma come si prepara la più tipica delle ricette piemontesi? Si scelgono le verdure (peperoni, insalata, radicchio, ravanelli, pomodori, carote, cetrioli, cipollotti, sedano e tutto quello che la stagione offre), si lavano con cura, si tagliano, si mettono in mezzo alla tavola a disposizione dei commensali, si preparano le ciotole con olio extravergine di oliva, sale e magari una punta di aceto. La magia è tutta qui, la preparazione, la condivisione, il mangiare con le mani, con lentezza, con semplicità e gusto.

Bagnè ‘nt l’euli è un rito di famiglia, è una tradizione, è un gesto contadino e salutare, quasi di altri tempi. Lo sa bene la Condotta Slow Food di Bra che giovedì 18 luglio, dalle ore 20, proporrà questa classica ricetta a base di prodotti “Buoni, Puliti e Giusti” nel bel contesto dell’Osteria Boccondivino (via Mendicità Istruita n.14).

Il menù prevede ancora frittatine, formaggi freschi, salumi, insalata di farro, crostata di alla frutta, caffè. Il tutto in abbinamento ai grandi vini bianchi e rossi del Roero, al prezzo di 27 euro per i soci Slow Food e 30 euro per gli aspiranti soci, con una sorpresa per i partecipanti.

Nell’occasione, sarà disponibile per l’acquisto la nuova guida degli oli extravergini italiani. La serata è finalizzata a raccogliere fondi destinati alla realizzazione dei numerosi progetti firmati Slow Food. Progetti importanti, come aiutare l’economia agricola locale, sostenere la biodiversità e la lotta agli sprechi, valorizzare le eccellenze del territorio, promuovere l’educazione alimentare e il rispetto dell’ambiente e del paesaggio. Perché il Bagnè ‘nt l’euli fa bene al palato e pure alla natura!

Informazioni e prenotazioni entro il 15 luglio tel: 0172/­42.56.74 – 338/73.893.06.

X