ALBAAttualità

Il Museo Diocesano di Alba lancia una raccolta fondi per laboratori inclusivi dedicati ai giovani disabili

La campagna, sposata dal marchio “La Tilde”, permetterà di offrire a giovani adulti con disabilità intellettiva laboratori didattici e creativi per migliorare l’offerta legata al loro tempo libero

ALBAIl MUDI, Museo Diocesano di Alba, in collaborazione con il Museo Civico “F. Eusebio”, pensa ad un Natale speciale per una dozzina di giovani con disabilità intellettiva seguiti dal Consorzio Socio-Assistenziale Alba-Langhe-Roero. L’idea è di rendere sempre più accessibile i Musei a questi ragazzi e ragazze tra i 18 e i 30 anni che spesso faticano a trovare proposte per un tempo libero di qualità, fatto di cultura e scoperta del territorio.

Attraverso la campagna di raccolta fondi “Tutti al Museo”, che ha come slogan “persone speciali con bisogni normali”, il MUDI invita gli Albesi a donare a questi giovani 20 laboratori ideati e realizzati da specialisti per raccontare loro la storia della città e della Diocesi, vivendo questi momenti anche come occasione per socializzare e incontrarsi.

Si può sostenere la raccolta fondi con un bonifico bancario oppure online su   https://www.retedeldono.it/it/tutti-al-museo dove per ogni donazione sono previste diverse “ricompense” per ringraziare i sostenitori. Tra queste, decorazioni natalizie, cornici e lampade originali create dalle persone con disabilità che lavorano nel laboratorio “Il Coccio e la Tela” della Cooperativa Alice e del gruppo dell’Associazione Accipicchia di Alba, ma anche foulard, portafogli e collane donati dal marchio “La tilde” fondato dalle sorelle Laura e Daniela Garello di Magliano Alfieri.

L’iniziativa, che nasce nell’ambito del progetto “Musei per tutti. Azioni per il miglioramento della accessibilità e l’inclusione” realizzato con il contributo della Fondazione CRT, intende ampliare le attività del MUDI e del Museo Civico F. Eusebio per migliorare la qualità della vita e il benessere delle persone con disabilità del territorio.

E per farlo vuole puntare a raccogliere, con l’aiuto di tante e tanti Albesi, 2.500 euro per realizzare 20 laboratori a cui possono partecipare ogni volta circa 10 giovani. Si tratta di ragazzi e ragazze con disabilità intellettiva medio-lieve, che già frequentano le attività del Consorzio Socio-Assistenziale Alba-Langhe-Roero in collaborazione con i musei albesi che per loro vogliono ampliare la proposta di visita, raccogliendo fondi per sostenere i costi di preparazione e realizzazione dei laboratori culturali esperienziali da parte di operatori museali che si sono specializzati nell’accoglienza del pubblico con disabilità.

È possibile sostenere la campagna “Musei per tutti” in vari modi:

  • con una donazione con bonifico bancario alla Diocesi di Alba (Iban IT 79 C 03069 22550 100000002151 – Banca: INTESA SAN PAOLO) – causale “Musei per tutti”
  • con una donazione sulla pagina di crowdfunding https://www.retedeldono.it/it/tutti-al-museo dove ogni sostenitore sarà ringraziato con una ricompensa originale: decorazioni natalizie, cornici in legno, lampade in filo di lana di recupero e fatte a mano dal gruppo Accipicchia e dal laboratorio “Il Coccio e La Tela”, portafogli, collane e foulard messi a disposizione dal marchio “La Tilde” (le donazioni possono essere versate tramite bonifico, Satispay, Pay Pal o carta di credito)
Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button