GovoneNeiveLANGHEBASSA LANGAROERO ESTROERO

Govone e Neive: quattro arresti per furti nelle case e truffe agli anziani

Ci sono anche Govone e Neive tra i centri in cui ha fatto danni una banda definita dai carabinieri specializzata nei furti in abitazione e nei raggiri agli anziani. Gli stessi carabinieri hanno relazionato questa mattina in conferenza stampa delle 4 custodie cautelari eseguite nell’ambito dell’operazione “Centauro”, su ordinanza del Gip del Tribunale di Asti, a carico di Daniel De Colombi, Gabriele Barbero, Massimo Zara e Gilberto Appendino. Quest’ultimo con altri due denunciati in stato di libertà, è stato ristretto ai domiciliari al pari del Zara, ed è accusato di ricettazione. I militari hanno inoltre effettuato perquisizioni nei confronti di 7 persone ritenute contigue agli indagati.

La banda guidata da sinti faceva base tra Carmagnola e Villafranca Piemonte (To). Sono 26 i furti attribuiti dalle indagini coordinate dal sostituto procuratore Gabriele Fiz, tutti tra cuneese e contigue aree della provincia di Torino. I malfattori si spacciavano per falsi operatori del gas, dell’energia elettrica o altre utility e ingannavano chi ci cascava. Raccontavano che, per via di particolari operazioni da eseguire dentro l’abitazione, sarebbe stato più sicuro raccogliere oro, preziosi e denaro dentro una borsa per non danneggiarli. Poi arraffavano il contenitore e scappavano in scooter. Altre volte si muovevano su auto di grossa cilindrata, forzavano gli ingressi, penetravano e svaligiavano le residenze mentre i loro proprietari erano assenti. Forse servendosi di telecomandi clonati, riuscivano anche ad aprire i cancelli elettrici assicurandosi così comodità di carico e quindi di fuga.   

Commentano dall’Arma: «L’operazione costituisce una sia pur parziale risposta alla crescente preoccupazione della popolazione locale, ed alla correlativa richiesta di incremento della sicurezza, per dei fenomeni, quello dei furti in abitazione e delle truffe in danno di anziani, che non conosce crisi alcuna e che rappresenta una piaga sociale che attanaglia il territorio».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button