Ferrero a “caccia” di nocciole made in Italy

La Ferrero Spa di Alba sempre più a “caccia” di nocciole e, sempre più pro territorio con l’iniziativa “Progetto Nocciola Italia”, lanciata da Ferrero Hazelnut Company per espandere del 30% la produzione della nocciola made in Italy.

I numeri di questo prodotto, 110mila tonnellate annue di frutto sgusciato, rappresentano il 12% dei volumi complessivi del mercato mondiale, ad oggi “monopolio”, al 70%, della varietà turca. Il programma di sviluppo mira ad intensificare la produzione italiana portandola, entro il 2025 a 20mila ettari di nuovi impianti, grazie anche ad accordi commerciali con le regioni italiane: Piemonte (Asco Piemonte), Umbria (Pro Agri Umbria) e Basilicata (Basilicata in Guscio). Prossime potenziali adesioni da parte del viterbese, dell’Emila Romagna e dell’Abruzzo. Ad abbracciare l’iniziativa ora è anceh il Molise dove, mercoledì 13 febbraio, la Camera di Commercio regionale, la Confederazione Italiana Agricoltori e la stessa società albese hanno promosso un convegno sulla coltivazione del nocciolo vista come un’opportunità di sviluppo per il territorio.

Il 32% dell’intera produzione mondiale è acquistata dalla Ferrero per le produzioni dei suoi alimenti dolciari. Oltre a Turchia e Italia, Georgia, Serbia, Cile, Sudafrica e Australia sono i principali interessati all’approvvigionamento di nocciole.

X