ALBABRASanità
In primo piano

Ex ospedali di Alba e Bra, le loro sedi non sono più in vendita

Le sedi degli ex ospedali di Alba e Bra non sono più in vendita. Su proposta dell’assessore reginale alla Sanità del Piemonte, questa mattina il Consiglio regionale ha approvato l’emendamento alla legge di riordino dell’ordinamento regionale che trasferisce a titolo definitivo l’anticipo di 25 milioni e 800 mila euro già assegnato nel 2015 dalla Regione all’Azienda sanitaria locale Cn2 per il completamento della costruzione del nuovo ospedale di Verduno.

Un prestito che l’Asl Cn2 avrebbe dovuto restituire alla Regione proprio grazie ai proventi derivanti dall’alienazione dei due immobili di proprietà della stessa Asl Cn2 e in dismissione con l’attivazione del nuovo ospedale.

L’assessore regionale alla Sanità ha rilevato che i nuovi fabbisogni emersi nell’ambito della programmazione sanitaria regionale richiedono una diversa destinazione degli immobili degli ex-ospedali di Alba e Bra, che verranno riadattati a ambulatorio, case di comunità e a quanto sarà ritenuto più funzionale alle esigenze sanitarie del territorio.

Una scelta, come ha sottolineato l’assessore, che in pratica assegna la piena disponibilità di 25 milioni e 800 mila euro a totale beneficio dell’Asl Cn2, promuovendo la politica di potenziamento della medicina territoriale messa in campo dalla Regione per favorire al massimo l’integrazione tra la rete degli ospedali e l’assistenza di prossimità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button