Dalle Acli una proposta di protocollo per tornare a giocare a carte nei circoli

Dalle Acli una proposta di protocollo per tornare a giocare a carte nei circoli

CUNEO  – Quello di fare una partita a carte è da sempre un modo piacevole per trascorrere qualche ora insieme in allegria, stringere amicizia e socializzare; ma per poterlo fare in questo periodo in cui occorre ancora essere prudenti per evitare la diffusione del contagio da Covid 19, non è così semplice.

Numerosi soci che frequentavano i circoli Acli perché amano questo passatempo e apprezzano la possibilità di stare insieme, chiedono con insistenza di poter tornare a giocare; per rispondere alle loro richieste, in mancanza di direttive precise in questo senso, le ACLI di Cuneo e l’U.S. Acli che contano 260 circoli e circa 40.000 soci, con l’U.S. Acli Regionale e le Acli del Piemonte (oltre 700 circoli e circa 100.000 soci), si sono impegnate al massimo in modo da poter garantire loro questa possibilità, nel pieno rispetto delle leggi in vigore, a tutela della salute dei soci e della comunità in generale.

L’impegno si è concretizzato in un “Protocollo per il gioco delle carte” predisposto dal sistema Acli e dallo “Studio Quality” di Borgo San Dalmazzo, in collaborazione con il circoli Acli “Uscire Insieme onlus”, che è stato presentato venerdì 12 giugno alle ore 9 presso la sede delle Acli di piazza Virginio, alla presenza del presidente provinciale, Elio Lingua; del presidente dell’Us Acli provinciale, Attilio Degioanni; del componente della presidenza nazionale Us Acli, Franco Via; del presidente del Circolo Acli “Uscire Insieme onlus”, Loris Marchisio; del referente della “Studio Quality” Alessandro Racca, del coordinatore della Segreteria Acli Prov.li Marco Dalmasso e della coordinatrice del settore comunicazione Acli provinciali, Mariangela Tallone.

Tale protocollo è stato inviato in Regione Piemonte, per l’approvazione, anche in vista dell’imminente decreto del 14 giugno.

Oltre alle regole generali comuni a tutti i locali, nel documento si prevede: la predisposizione di percorsi di ingresso e uscita differenziate; la sanificazione delle mani con apposito gel prima di entrare e durante le fasi del gioco e il mantenimento costante di una distanza minima di un metro tra i giocatori e anche tra gli altri soci presenti nel circolo. Inoltre è obbligatorio l’uso della mascherina; i tavoli devono essere distanziati ed allestiti con tovaglie di carta che verranno sostituite a fine turno di gioco; le carte devono essere stoccate, al termine di ogni turno (cambio giocatori), in apposite buste o contenitori chiusi dove verranno messe in “quarantena” per almeno 72 ore e sostituite con altri mazzi di carte che siano stati preventivamente quarantenati. Le sedie e il materiale che non può essere cambiato, devono essere sanificati prima dell’inizio del turno successivo; inoltre occorre aerare periodicamente i locali.

Nei circoli saranno affissi cartelli esplicativi sulle procedure da osservare. L’applicazione delle norme è affidata ai presidenti di circolo, come responsabili dell’adozione delle misure individuate nel protocollo.

Ha sottoscritto il protocollo l’Associazione Pro Loco Regionale che conta oltre 1.000 gruppi affiliati e oltre 100.000 soci.

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat