dal PiemonteAttualità

Crosetto difende l’ex assessore regionale Rosso: «Mafia? Non ci credo»

Mollato praticamente da tutti, e su tutti dalla leader del suo partito Giorgia Meloni, l’ormai ex assessore regionale Roberto Rosso, incarcerato questa mattina con infamanti accuse di aver fatto affari con la ’ndrangheta, è difeso dall’on Guido Crosetto. L’ex sindaco di Marene, ex parlamentare e attuale coordinatore nazionale di FdI, a Radio Capital ha dichiarato che l’arresto di Rosso «mi sembra una cosa strana». Ha proseguito: «Lo conosco da tanti anni, è uno che farebbe qualunque cosa per prendere un voto, porterebbe un moribondo al seggio ma non mi è mai sembrato che possa intrattenere rapporti con la mafia o con la ’ndrangheta». Crosetto ha aggiunto: «In 30 anni nessuno mi ha mai parlato di cose simili (su Rosso, ndr) nell’ambiente politico», dove non fosse altro che per la competizione regnante tra i suoi protagonisti non si «risparmia critiche a nessuno». E ancora: «Tutti quelli che lo conoscono (sempre Rosso, ndr) la pensano così».
Crosetto alla domanda del conduttore della trasmissione radiofonica “Comunque ha fiducia nei magistrati?” ha risposto: «Cerco di leggere le cose, non ho fiducia nei magistrati ma non per questo caso, per quello che ho visto in tanti casi. Questo non lo conosco quindi non posso commentarlo. Ho fiducia nel 95% dei magistrati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button