LettereRUBRICHE

Buoni «sottopagati»: condanna per le Poste grazie a ricorso di avvocato braidese

Le Poste si erano rifiutate di riconoscere i rendimenti riportati nelle tabelle stampate sul retro gli stessi buoni fruttiferi da loro venduti; due risparmiatori residenti nel Roero hanno fatto ricorso e il Tribunale gli ha dato ragione. A patrocinare la causa è stato l’avvocato Alberto Rizzo, braidese esperto di diritto bancario e finanziario.

Spiega Rizzo: «Si trattava di buoni sottoscritti nel 1986 dal defunto marito e padre dei miei assistiti. La rendita prevista era pari a oltre 50 mila euro. Poste Italiane – richiamando un provvedimento del giugno dello stesso anno del Ministero del Tesoro che aveva modificato i rendimenti con effetto fortemente negativo e retroattivo –, si era offerta di pagare solo 33mila euro. Siamo ricorsi all’Arbitro Bancario Finanziario che ha condannato le Poste a corrispondere l’intero importo indicato nei documenti. Il diritto dei risparmiatori a vedersi riconosciuto quanto risultante dalle tabelle apposte sui buoni postali è stato ripetutamente affermato da tale Autorità, che in numerose decisioni ha altresì riconosciuto ai possessori di buoni per i quali fu variato il rendimento in forza di apposito timbro riportante i pagamenti per gli anni dal 1° al 20°, a ottenere – per il periodo compreso dal 21° al 30° – l’originaria rendita scritta nella stessa tabella».

L’avvocato consiglia a tutti i possessori di buoni fruttiferi postali scaduti o prossimi alla scadenza, di rivolgersi a professionisti specializzati nella materia del risparmio per far verificare la sussistenza delle condizioni di cui sopra.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button