Allarme a Mussotto per cinghiali e caprioli, dai residenti una richiesta di abbattimenti

Allarme a Mussotto per cinghiali e caprioli, dai residenti una richiesta di abbattimenti
Nella foto: Negli ultimi anni si è incrementato il numero di ungulati selvatici

ALBA – Numerosi residenti delle località “Torre” e “Missione” a Mussotto hanno preso carta e penna e trasmesso al sindaco Carlo Bo un documento per sollecitare la soppressione della Zona di ripopolamento e cattura che è compresa nel territorio delle due località. Oggetto della richiesta, i provvedimenti idonei a risolvere la presenza cinghiali e caprioli, recanti danno alle colture.

Del problema si sta occupando il consigliere di “Alba Domani” Daniele Sobrero. «In qualità di membro del Comitato di gestione dell’Ambito Territoriale Caccia CN4 – commenta Sobrero – ho provveduto a richiedere con urgenza la convocazione del direttivo per analizzare il percorso di revoca della ZRC per le due località indicate dai cittadini. La ZRC Torre-Missione, costituita all’inizio degli anni 2000, è stata per molto tempo un ricco serbatoio di fauna selvatica che veniva catturata e immessa nel restante territorio dell’Ambito CN4.

La mancanza di gestione adeguata, negli ultimi anni ha contribuito alla proliferazione incontrollata di colonie di cinghiali e caprioli che stanno provocando danni alle colture e mettono a rischio la sicurezza delle persone». La soluzione potrebbe essere la creazione di una zona di “caccia specifica” che consenta di ridurre la pressione demografica di queste specie in tutta sicurezza e precludendo la caccia a tutte le altre specie. «Voglio – conclude Sobrero – rassicurare i cittadini firmatari dell’istanza che faremo tutto il possibile per risolvere celermente il problema portato alla nostra attenzione».

Contatta l'autore

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat
Powered by