ALBAAttualità

Alba: la città si prepara ad accogliere le Città Creative UNESCO del mondo

Alba si prepara ad accogliere tre nuove Città Creative UNESCO per la Gastronomia entrate nel network nell’ultima sessione del 2021, ovvero Bohicon (Benin), Cochabamba (Bolivia) e Rouen (Normandia) in un weekend tutto dedicato alla “Creatività” in cucina.

 

Gli chef ospiti, infatti, avranno l’occasione di far conoscere la propria cultura enogastronomica attraverso i prestigiosi cooking show nell’ambito della 92esima Fiera internazionale del tartufo bianco d’Albae realizzeranno un menù a dieci mani da presentare alla stampa in occasione dell’International Gala Creative Dinner lunedì 31 ottobre presso il Teatro Sociale “G. Busca” di Alba.

 

Emanuele Bolla, assessore al Turismo della Città di Alba afferma: “Grazie a Bohicon, Cochabamba e Rouen abbiamo ad Alba una rappresentanza intercontinentale delle Città Creative che porteranno nel programma della Fiera del Tartufo elementi di internazionalità e di qualità gastronomica riconosciuta dall’UNESCO. Questo è il principio alla base dei Creative Moments: un nuovo modo di incontrarsi e di progettare insieme il futuro, creare e contaminare, condividendo l’uno la cultura dell’altro. Questo evento è già stato sperimentato con successo nel 2021 con la presenza delle città di Tsuruoka, Portoviejo, Hatay, Bergen, San Antonio, Denia, Burgos, Parma e Bergamo e siamo sicuri che quest’anno l’aggiunta dell’International Gala Creative Dinner darà ancora più prestigio e valore al ruolo di Alba all’interno del network”.

L’iniziativa fa parte di un progetto di collaborazione sostenuto dalla Regione Piemonte tra le tre Città Creative UNESCO piemontesi: Alba nel cluster “Gastronomy”, Torino nel cluster “Design” e Biellanel cluster “Crafts & Folk Arts”. In un’ottica di sinergia regionale, con Torino e Biella si realizzeranno infatti attività aventi come filo conduttore l’internazionalizzazione, ovvero il fatto di prevedere la partecipazione e il coinvolgimento attivo non solo delle tre Città Creative UNESCO piemontesi, ma anche di altre Città Creative UNESCO del mondo. L’evento inoltre è possibile grazie al contributo di Fondazione CRC.

 

Il progetto prevede un primo giorno di accoglienza delle delegazioni presso la Sala del Consiglio comunale e un successivo summit tra i Focal Point e i rappresentanti di tutte le città. Inoltre, il 31 ottobre presso il Teatro Sociale “G. Busca” sarà organizzata l’International Gala Creative Dinner in cui gli chef Denisse Dalence de Tarradelles (Cochabamba), Philippe Molinié (Rouen) e Gisèle Agbazahou (Bohicon) insieme a due rappresentanti della “Creatività” albese, lo chef Luciano Tona, Ambasciatore di Alba Città Creativa, e Francesco D’errico, chef di cucina di La Madernassa Ristorante & Resort collaboreranno nella creazione di un menu condiviso che celebra i piatti tipici di ogni Paese, dando vita a vere e proprie opere di arte culinaria.

 

Nel giorno successivo, martedì 1 novembre, sono previsti una serie di cooking show aperti al pubblico all’interno del contesto della 92esima Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba” che vedranno impegnati i tre chef nella realizzazione di un loro piatto tipico in abbinamento al tartufo, il quale sarà poi proposto in degustazione ai presenti.

 

Il programma della giornata prevede:

Ore 11.00 “Creative Moment” di Rouen

Ore 14.00 “Creative Moment” di Bohicon

Ore 18.00 “Creative Moment” di Cochabamba

 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button