dal PiemonteAttualità

A Torino tornano i Babbo Natale per il Regina Margherita

E’ partita oggi, con una modalità mista online e dal vivo per evitare assembramenti, l’undicesima edizione di ‘Un Babbo Natale in Forma’ a sostegno dell’ospedale infantile Regina Margherita.

Al posto del tradizionale palco in Piazza Polonia è stato allestito un vero e proprio studio televisivo, che ha accolto numerose personalità intervistate dall’ex Iena Jacopo Morini.
Quello di questa mattina, con tanto di supereroi calati dal tetto, è stato il primo momento di un calendario di appuntamenti che proseguono fino al 19 dicembre: dall’esposizione dei 300 modelli 3D di Babbo Natale realizzati dai bambini delle scuole piemontesi alle sfilate di Babbi Natale in auto, moto, bici o canoa per uno speciale saluto ai piccoli ricoverati.
“L’obiettivo è sempre lo stesso – spiega Irene Bonansea, responsabile di Forma e anima del raduno – regalare un’atmosfera natalizia ai piccoli ricoverati del Regina Margherita e raccogliere fondi per concludere il progetto di ristrutturazione dell’area Diurna della Nefrologia e Gastroenterologia dell’ospedale”.
“Con la pandemia – sottolinea il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo – abbiamo spesso associato la parola ‘eroe’ a chi si occupa della nostra salute. La sanità pubblica è un patrimonio straordinario di capacità e generosità e oggi al Regina Margherita ho visto tanti bambini circondati da affetto, sorrisi e dai grandi cuori dei volontari protagonisti di un evento davvero bello”. “Ci sono cose che da presidente sai di dover fare. E poi ci sono quelle che desideri proprio tu. Quelle a cui non rinunceresti…”, scrive su Facebook il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. “Lo scorso anno – ricorda Cirio – la pandemia ha reso impossibile il raduno dei Babbi Natale del Regina Margherita. Oggi invece siamo qui. Grazie ai supereroi della Forma Onlus Torino. E grazie – conclude – a tutti gli eroi silenziosi che, dentro e fuori un ospedale, si prendono cura di noi. Ogni giorno” (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button