ALBACRONACA

Violente rapine alla stazione dei bus di Alba: identificata la banda

Rapina aggravata in concorso: è l’imputazione attribuita dai carabinieri di Alba a tre giovani, tutti studenti delle Superiori della zona, accusati dei violenti assalti predatori perpetrati a gennaio e febbraio scorsi al terminal cittadino dei bus. Due sono gli stessi che, a dicembre, di notte si erano introdotti in ospedale e avevano imbrattato e danneggiato la sala d’attesa di Oncologia.

In merito alle tre rapine:
– nella prima, un minorenne albese è stato accerchiato dai quattro, spintonato e preso a pugni per poi strappargli una catenina d’oro. In quell’occasione era intervenuto il fratello maggiore della vittima, giunto poco dopo sul posto, ma anch’egli era stato colpito a calci e pugni;
– nel secondo episodio la vittima è stata rapinata del portafogli contenente pochi euro. Il ragazzo è stato minacciato con una sigaretta accesa che gli sarebbe stata spenta sul volto se si fosse rifiutato di consegnare quanto richiesto. Anche lui è stato colpito con un pugno;
– la terza vittima è stata una donna che per un bottino di appena 5 euro, è stata fatta cadere in terra rovinosamente.
Per uno dei quattro soggetti sott’accusa, di origine nordafricana e nel frattempo diventato maggiorenne, è scattata la misura cautelare del collocamento in una comunità. Un secondo giovane, nomade di etnia sinti, è stato posto ai domiciliari per un’altra rapina a lui attribuita a Torino. Gli ultimi due, un italiano e un rumeno, sono stati deferiti in stato di libertà. Tutti dovranno difendersi nelle aule del Tribunale dei minori di Torino dall’imputazione di rapina aggravata in concorso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button