“Vinum” apre le danze della primavera albese

93
Foto d'archivio. Di una edizione di “Vinum” ad Alba

Una grande enoteca a cielo aperto, dove trovare tutti i grandi vini rossi delle Langhe, la freschezza dei bianchi, le bollicine di Asti e Alta Langa e i sapori del territorio, dai formaggi alle nocciole, fino allo “street food”, rigorosamente a base di prodotti locali.

I fine settimana che si avvicinano, portando con loro i lunghi ponti del 25 aprile e del 1° maggio, apriranno infatti la primavera albese con “Vinum”, fiera nazionale che ormai ha compiuto 42 anni e che porterà tra piazze e vie del centro storico consorzi, produttori e migliaia di etichette provenienti da Langhe, Roero e Monferrato.

TANTE OPPORTUNITÀ

La formula di Vinum, completamente rinnovata negli ultimi anni, è quella di una città che svela le proprie eccellenze lungo vie e piazze. Protagonisti, sabato 21 e domenica 22 aprile, poi mercoledì 25 e infine da sabato 28 aprile a martedì 1° maggio, saranno come sempre i grandi vini delle colline Unesco, proposti in connubio con lo “Street Food ëd Langa”.

Le degustazioni saranno proposte dalle ore 10.30 alle 20 presso i banchi di assaggio nel centro storico e curate dall’Associazione Italiana Sommelier (Ais). Accanto alla manifestazione torna inoltre Vinum in Cantina, con la possibilità di visitare alcune tra le più importanti aziende di Langhe, Roero e Monferrato selezionate da chef che, al termine del tour, serviranno speciali aperitivi.

Sempre l’abbinamento cibo-vino sarà protagonista dell’Isola dei Formaggi, nel Palazzo Mostre e Congressi, in collaborazione con Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio (Onaf), Consorzio di Tutela Robiola di Roccaverano e Consorzio del Formaggio Murazzano.

Novità di quest’anno è inoltre Vinum Incontra: in Sala Fenoglio ci saranno infatti approfondimenti sul mondo del vino, laboratori e presentazioni letterarie per conoscere la storia, cultura e tradizioni della nostra enologia. Sempre alla Maddalena, per tutta la durata della kermesse, ci sarà Vinum Bimbi, area speciale in cui i più piccoli potranno unire il divertimento alla scoperta del mondo del vino attraverso i giochi in legno.

Nei giorni della manifestazione, infine, sarà possibile partecipare a visite guidate della città, concerti, proiezioni cinematografiche, mostre e appuntamenti dedicati a tutta la famiglia. Inserita all’interno del ricco calendario della Primavera di Alba, tutti gli appuntamenti della manifestazione sono elencati al sito www.vinumalba.com

COME PARTECIPARE

Per chi volesse organizzare in tempo la propria visita sul sito www.vinumalba.com sono anche disponibili i carnet per 18 degustazioni, per Vinum in Cantina e per i workshop dedicati a formaggi e vini. L’acquisto online dà diritto a uno sconto (18 euro anziché 22), o alla possibilità di acquistare lo speciale ingresso “Vinum Day”, che include tutte le esperienze nella giornata.

Carnet e biglietti saranno disponibili anche in loco, daranno diritto alla “taschina” completa di calice per le degustazioni e permetteranno di visitare i principali musei e le attrazioni turistiche di Alba e dintorni (Museo “Eusebio”, Wimu, Museo del Cavatappi, Castello di Grinzane) a un prezzo ridotto. Agevolazioni anche per i soci Ais, Fondazione Italiana Sommelier, GoWine, Onav, Slow Food, per i consorzi aderenti all’evento e per i viaggiatori Trenitalia.

LE DEGUSTAZIONI

Grandi rossi al Palazzo Mostre e Congressi

Il palazzo intitolato a Giacomo Morra ospiterà i grandi rossi delle Langhe (Barolo, Barbaresco, Barbera d’Alba, Diano d’Alba Superiore, Dogliani Superiore, Langhe Freisa, Langhe Nebbiolo, Nebbiolo d’Alba e Verduno Pelaverga) insieme all’Isola dei Formaggi Dop del Piemonte.

In piazza Garibaldi i vini del Monferrato

In questa piazza saranno protagonisti i vini del Monferrato, con le province di Asti e Alessandria. Quindi Albugnano, Barbera d’Asti, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto d’Asti, Freisa d’Asti, Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Monferrato, Piemonte Doc, Ruché Castagnole Monferrato e Terre Alfieri.

Roero protagonista in piazza Risorgimento

All’ombra del duomo spazio ai bianchi e rossi del Roero, con posti d’onore per Roero Arneis e Roero, massima espressione del vitigno Nebbiolo nella Sinistra Tanaro.

Alla Maddalena Dolcetto, Gavi e Brachetto

Tra i vini più amati della tradizione piemontese, il Dolcetto sarà al centro dei banchi di assaggio allestiti nel cortile della Maddalena, con le varianti di Alba, Diano e Dogliani. Insieme a loro spazio anche al Gavi, bianco alessandrino a base di Cortese, e al Brachetto d’Acqui.

In piazza Ferrero con l’Asti e la Tonda Gentile

Il vitigno Moscato, nella sue due varianti di Moscato d’Asti e Asti Spumante, sarà protagonista in piazza Michele Ferrero con le degustazioni proposte dal Consorzio di Tutela dell’Asti in collaborazione con la Confraternita della Nocciola, che proporrà il classico abbinamento con dolci e torte a base di Tonda Gentile delle Langhe. Nelle giornate dal 28 aprile al 1° maggio spazio anche per un’ospite speciale, la regione vitivinicola delle Alpes-de-Haute-Provence, che presenterà il vino Rosé Pierrevert. Infine grappe e distillati, grazie alla collaborazione del Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo.

Vermouth e Langhe Doc in piazza San Paolo

Vitigni autoctoni e internazionali per questo spazio dedicato alla denominazione Langhe Doc, che propone Arneis, Favorita, Nascetta, ma anche Chardonnay e Sauvignon Blanc. Grande novità di questa edizione, sempre in piazza San Paolo, sarà la presenza dell’Istituto del Vermouth di Torino, con degustazioni di questo particolare vino liquoroso speziato.

Aperitivi con l’Alta Langa nei bar del centro

In collaborazione con l’Aca e con il Consorzio Alta Langa i visitatori di Vinum potranno avere, nei locali del centro, uno sconto per un aperitivo a base di Alta Langa, spumante secco metodo classico.