dal PiemonteAttualità

Vino: Roero, +30% bottiglie e 3.000 presenze a Venaria

Oltre 3.000 appassionati di vino hanno animato la 5/a edizione dei ‘Roero Days’ ospitati negli spazi aulici della Reggia di Venaria.

Wine lovers e operatori del settore, ma anche appassionati d’arte e semplici curiosi hanno potuto scoprire le nuove annate di oltre 70 produttori e visitare la residenza sabauda, grazie alla collaborazione tra il Consorzio di Tutela Roero e la Reggia di Venaria.

  “È stata un’edizione bellissima, piena di soddisfazioni per tutti i produttori presenti per fare conoscere il Roero, una delle poche denominazioni in Italia ad avere due grandi espressioni, completamente diverse, il Roero Bianco Arneis e il Roero Rosso Docg”, afferma il presidente del Consorzio Tutela Roero Francesco Monchiero. “Un successo da attribuire senz’altro alla location, una meraviglia della nostra regione – aggiunge Monchiero – che non ha nulla da invidiare alle grandi residenze reali europee, ma soprattutto alla qualità dei nostri vini e allo stato di salute della nostra Docg, che rispetto allo scorso anno ha visto una crescita del +30% quanto a bottiglie certificate”.

    Ai ‘Roero Days’ non solo banchi d’assaggio, ma anche seminari e momenti di approfondimento culturale. Quasi 300 persone hanno preso parte ai laboratori di degustazione. Tutto esaurito anche per la presentazione del libro “Roero, la civiltà dell’Arneis e del Nebbiolo”: in questa occasione è stato assegnato il riconoscimento di ‘Pioniere dell’Arneis’ agli accademici Anna Schneider, Vincenzo Gerbi e Franco Mannini “per il loro impegno per la ricerca dei cloni più idonei per questa tipologia”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com