More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Vinitaly: la sfida alla concorrenza parte dall’edizione 2024 a Verona

    spot_img

    Per fare un parallelo automobilistico c’è la Ferrari e c’è la Panda. A livello enoico la Ferrari è il Vinitaly, mentre la Panda rappresenta quel microcosmo di eventi “off” che stanno nascendo in giro per l’Italia con l’obiettivo di promuovere il vino italiano con investimenti più sostenibili. Insomma oggi c’è la possibilità di scegliere, anche se al momento non è chiaro se l’alternativa regali effettivamente una visibilità pari a quella della rassegna Veronese.

     

    Detto questo, oggi vi parliamo di lei, Vinitaly 2024, che si terrà da domenica 14 a mercoledì 17 aprile a Verona Fiere. Una manifestazione mastodontica quella scaligera, che ogni anno pare superare se stessa in termini di numeri. Saranno oltre 1.200 “top-buyer”, provenienti da 65 Paesi.

    Sono compratori selezionati, invitati e ospitati a Verona, con l’obiettivo di portare il verbo del vino italiano nel mondo. A loro si aggiungeranno – secondo le stime – circa 30mila operatori stranieri che confluiranno a Vinitaly da oltre 140 nazioni. Per loro ci sarà un quartiere fieristico suddiviso per regioni. Complessivamente saranno 17 i padiglioni espositivi che ospiteranno oltre 4.300 aziende. Ci sarà il settore vinicolo, ma anche quello dell’olio e della birra. Si parlerà di vitivinicoltura tradizionale, ma anche di bio. Insomma ci sarà da divertirsi. Sempre più distanti saranno i “bevitori della domenica”. Con un ticket che supera abbondantemente i 120 euro, non resta che puntare su Vinitaly in The City, che si svolgerà in contemporanea nel centro storico. Il Piemonte? La pattuglia sarà corposa e sarà ospitata nel padiglione 10, dove ci sarà anche la zona istituzionale. Altri saranno in ordine sparso, associati con società di export.  Le info su www.vinitaly.com.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio