dal PiemonteAttualità

Vigili del Fuoco: la Regione riprende il finanziamento a favore dei volontari

Pronti 200 mila euro di contributo regionale per i distaccamenti locali dei Vigili del Fuoco Volontari del Piemonte

La Regione Piemonte riprende l’erogazione di contributi a favore degli Enti locali sede di
Distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari del Piemonte risultati beneficiari del bando per la
concessione di contributi. Una tranche da circa 200 mila euro andrà a favore dei Distaccamenti di
Avigliana, Bussoleno, Carmagnola, Chiomonte, Carignano, San Maurizio Canavese e Volpiano nel
Torinese; Santo Stefano Belbo e Unione Barge Bagnolo nel Cuneese e Trino nel Vercellese. I
Comuni riceveranno contributi regionali dai 10.000 ai 20.000 euro per finanziare attività di
potenziamento della logistica, acquisti e manutenzione straordinaria dei mezzi e delle sedi di
proprietà pubblica, interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di mezzi e sedi.
«Fortemente convinti dell’importanza di dare un supporto economico ad attività di volontariato ad
alto valore per il territorio – sottolineano l’Assessore alla Protezione civile della Regione
Piemonte Marco Gabusi e il Consigliere regionale Paolo Ruzzola –. Abbiamo voluto proseguire
nell’erogazione dei contributi ai Distaccamenti attraverso gli Enti locali, finanziando così 10
progetti di altrettanti Distaccamenti. Man mano che si sbloccheranno ulteriori fondi procederemo
con gli altri Enti inclusi nella graduatoria dei beneficiari».
La vita dei Distaccamenti è però minacciata da un altro pericolo. Ma la Regione Piemonte è pronta
alla difesa. «Mentre la Regione – spiega l’Assessore Gabusi – riconosce il giusto valore dell'attività
dei volontari il Governo sta ipotizzando di chiudere i Distaccamenti invocando una
razionalizzazione che di fatto produrrebbe un'economia decisamente trascurabile, soprattutto se
paragonata al depauperamento che si verificherebbe in alcuni territori». Arriva infatti dal
Ministero dell’Interno l’elenco dei distaccamenti ritenuti ‘attivi’ e ‘non attivi’, ipotizzando di
chiudere questi ultimi entro il 31 dicembre 2021.
Nella lista compaiono 76 centri piemontesi ‘attivi’ e 13 ‘non attivi’, alcuni dei quali ritenuti però idonei a ricevere i contributi regionali. «Siamo al paradosso – evidenziano l’Assessore Gabusi e il
Consigliere Ruzzola -. Noi finanziamo e Roma vuole chiudere. Molti dei distaccamenti ritenuti ‘non
attivi’ hanno avuto in realtà un’attività modesta negli ultimi anni, poiché fortunatamente non vi
sono stati interventi di grande portata o di ampia frequenza, ma riteniamo che siano fondamentali
per la sicurezza del territorio di riferimento, in particolare per la loro ubicazione, in molti casi in
zone di montagna. Non possiamo assolutamente pensare di rinunciarvi. Vogliamo perciò
richiamare l’attenzione del Ministro Lamorgese a riconsiderare questa eventualità e a tornare sui
propri passi in ragione della necessità di tutelare, proteggere e soccorrere persone e territori. I
nostri parlamentari sono pronti a dare battaglia a Roma per mantenere aperti i distaccamenti,
mentre la Regione intende proseguire nel suo sostegno economico».

Show More

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close
Apri chat