More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Veterinario gratis per i più fragili: inaugurato l’ambulatorio di Savigliano

    spot_imgspot_img

    SAVIGLIANO – E’ stato tagliato il nastro, questa mattina, a Savigliano, del primo ambulatorio sociale veterinario nelle Asl cuneesi, che ha sede nei locali di via Torino 143 e che è frutto di uno stanziamento – da parte della Regione – di circa 45mila euro. La soddisfazione del presidente Cirio e dell’assessore Caucino.

    [themoneytizer id=”108113-2″]

     

    L’iniziativa, fortemente voluta dalla Regione, e, in particolare, dall’assessore regionale al Benessere Animale, Chiara Caucino e dal Presidente della Regione, Alberto Cirio,  rappresenta un vero e proprio fiore all’occhiello per il Piemonte e, allo stesso tempo, di una pietra miliare nel sostegno alle persone più disagiate per le quali un’animale di affezione rappresenta molto più di un amico, ma un vero e proprio compagno di vita, una figura sempre presente che dona amore e affetto, con comprovati effetti anche terapeutici sull’umore e contro il senso di solitudine che spesso attanaglia le persone più fragili.

    L’Ambulatorio della sede di Savigliano garantirà prestazioni sanitarie preventive gratuite a favore di animali d’affezione di proprietà delle persone in carico ai servizi sociali.

    All’inaugurazione, oltre ai vertici dell’Asl, al presidente Cirio e all’assessore Caucino, erano presenti numerose autorità locali.

    «Ci occupiamo del benessere animale – ha spiegato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio – perché abbiamo a cuore quello delle persone. È provato scientificamente quanto la compagnia e la vicinanza di un animale d’affezione siano importanti per le persone, soprattutto per quelle più fragili. Sono molto orgoglioso che il Piemonte sia tra le prime Regioni in Italia ad offrire questo genere di prestazione: qui e negli altri ambulatori aperti in Piemonte, le persone in carico ai servizi sociali, che hanno difficoltà a sostenere le spese veterinarie dei loro animali da compagnia, potranno farli curare gratuitamente. Oggi proseguiamo un percorso che va in una direzione ben precisa: le cose si fanno per gradi, ma posso dire che questo è un primo, fondamentale e importantissimo passo, verso la “mutua per gli animali”».

    «Prosegue – ha invece osservato Caucino – il nostro percorso di inaugurazioni degli Ambulatori veterinari sociali piemontesi, fra cui quello di Savigliano. La situazione dopo la pandemia, di profonda crisi economica, ha inciso pesantemente sui soggetti fragili in stato di bisogno seguiti dai servizi sociali piemontesi che, in molti casi, sono detentori di animali d’affezione». «Per tale ragione – ha aggiunto Caucino – gli obiettivi di questa misura sono molteplici: evitare gli abbandoni degli animali, magari perché non si hanno le risorse per curarli, fare in modo che le persone più fragili non debbano subire un ulteriore aggravio economico per il sopraggiungere di una malattia al proprio animale ed evitare che situazioni igienico-sanitarie critiche possano peggiorare ulteriormente la situazione delle persone già in difficoltà».

    Tiziana Rossini, direttore amministrativo Asl CN1, ha spiegato che «C’è la profonda convinzione da parte di questa Direzione Generale che gli animali da compagnia possano costituire un significativo supporto emotivo, soprattutto nelle avversità. Poter contare su un ambulatorio pubblico per la cura dei “pets” è indubbiamente un sollievo per i proprietari in difficoltà economiche e un indice di presa in carico complessiva del bisogno sociale».

    Roberto Rossi, direttore sostituto di Sanità Animale Asl CN1 ha illustrato il successivo percorso per l’accesso: «A seguito dell’appuntamento tutti gli utenti saranno accompagnati dal servizio sociale, che potrà avvalersi della collaborazione di associazioni per la tutela degli animali, e non sarà consentito l’accesso all’ambulatorio ai singoli e senza appuntamento. Ad ogni appuntamento saranno presenti uno o più medici veterinari, eventualmente con la collaborazione di un tecnico della prevenzione, entrambi dotati dei Dispositivi di Protezione Individuale. Il veterinario Asl, incaricato presso l’ambulatorio, potrà solamente somministrare eventuali farmaci, ma non distribuirli e, qualora fosse necessario il proseguo della terapia farmacologica, questa sarà prescritta».

    La richiesta di prenotazione della prima visita avverrà per il tramite dei servizi sociali dei Comuni attraverso procedura informatizzata, inviata su indirizzo mail dedicato, all’ambulatorio veterinario sociale (AVS) competente, in particolare:

    – ambulatoriosocialevet@aslcn2.it (per ASL CN2)

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio