dal PiemonteSanità

Uncem Piemonte, servono almeno 100 medici di base in montagna

Mancano medici di base e le guardie mediche notturne e l’estate amplia il problema, che Uncem ha segnalato in molte lettere a ministero della Salute e assessorato regionale alla Sanità”.

Ad affermarlo è Robrto Colombero, presidente per il Piemonte dell’Uncem (Unione nazionale comuni, comunità e enti montani) “Dal ministero – prosegue – ci aspettavamo di più, in particolare a seguito delle missive Uncem trasmesse dopo i lockdown e nel corso della pandemia, nelle quali la nostra associazione chiedeva di investire di più su medici e sanità territoriale. Invece i problemi aumentano. Aumenta il senso di insicurezza da parte di chi vive e frequenta i territori. Manca assistenza nei Comuni. E non è più solo un problema di alte valli e di centri più piccoli. I problemi sono diffusi”.ù “Servono almeno cento medici di base nei 550 Comuni montani del Piemonte” conclude, parlando di una situazione “grave”.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com