BRACiclismoSPORT

Un weekend entusiasmante con la Bra-Bra Fenix Langhe e Roero Specialized

Anche quest’anno il suggestivo borgo di Pollenzo fa da cornice alla partenza, e all’arrivo, della Bra-Bra Fenix. I percorsi, come da tradizione, attraversano Langhe, Roero e Terre Patrimonio Unesco e vengono invasi da oltre 1700 ciclisti. Tre i tracciati: Granfondo (162 km), Mediofondo (107 km) e Corto (66 km) tra salite e discese, curve, castelli e vigneti.

Ancora una volta il ciclismo diventa un pretesto per valorizzare un paesaggio unico, forse troppo poco conosciuto rispetto alla ricchezza e alla vocazione all’accoglienza che sa offrire. Sono 44 le moto della staffetta a scorta della gara a conferma di un’organizzazione impeccabile che ha dato prova di grande efficienza.

Sul tracciato corto, tra gli uomini, è rush finale con una volata al cardiopalma tra tre atleti. Ad avere la meglio è Andrea Mariani del Team Asnaghi. Secondo Samuele Merli e terzo Riccardo Buscone. È invece Silvia Visaggi, con un passato da triatleta professionista e oggi dedicata alle due ruote, a dominare tra le donne la prova sulla distanza più corta! Completano il podio femminile nell’ordine Giulia Soffiati e Monica Kuel.

Oro e argento nella mediofondo maschile è questione di genetica. Sono i fratelli Filippo Ghiron e Aldo Ghiron a dettare legge. I due arrivano all’unisono sulla finish line e la vittoria a Filippo è solo una questione di millimetri. Aldo ha vinto per tre anni di fila qui a Bra. Completa il podio della mediofondo maschile Niki Giussani

La gara regina sulla distanza più lunga vede un brillantissimo Matteo Draperi a fare sua questa spettacolare edizione. Appaiato a Stefano Bonanomi per tutta la corsa, Matteo Draperi è riuscito negli ultimi kilometri a frustare il ritmo e avere così la meglio sugli avversari sotto la finish line, tagliata dopo 4h19’19”. Federico Pozzetto e Pietro Dutto completano un podio incerto fino agli ultimi colpi di pedale, restando alle spalle del vincitore per un soffio.

Gara combattutissima quella femminile con Chiara Ciuffini che mantiene saldamente la testa fino a pochissimi chilometri dal traguardo, quando un duo composto da Ilenia Fazzone e Lisa De Cesare la riprendono insieme ad un gruppo maschile. È una volata di gruppo quella che vede Ilenia Fazzone avere la meglio per due centesimi su Ciuffini e De Cesare.

Nel bilancio di giornata Sandro Stevan, presidente del comitato organizzatore dell’evento, non può nascondere emozione ed orgoglio.
“La gara quest’anno è andata oltre le aspettative di partecipazione, con oltre 1700 atleti iscritti e con la presenza in griglia di nomi di spicco e realtà di grande prestigio. Il nostro grazie va alle Amministrazioni locali che ci hanno supportato, a tutti i volontari che hanno garantito efficienza e sicurezza, agli atleti che ci hanno scelto e a tutti i partner che quest’anno ci affiancano, dandoci la possibilità di rendere gli eventi del circuito di grandissima caratura tecnica. Con grande piacere abbiamo ospitato quest’anno in griglia di partenza Emiliano Borgna, Presidente di Acsi Ciclismo. Lo ringraziamo per i complimenti che ha voluto indirizzarci e ci uniamo a lui nella piena volontà di sostenere il movimento del ciclismo amatoriale, nella convinzione che eventi come questo siano l’occasione migliore per valorizzare eccellenze e territori, in modo sostenibile e con tutta l’energia che il ciclismo sa regalare. Grazie ancora una volta ad Andrea Noè per le sue parole attente sul tema della sicurezza in bici. Un tema molto caro anche a noi organizzatori, quello della sicurezza, che Andrea cavalca fin da quando era professionista e vincitore di moltissime gare, tra cui una tappa del giro d’Italia”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button