ALBACRONACA

Un ragazzo dal cuore d’oro: ecco chi era Davide Giri

E’ un tam tam di post e ricordi che scorre attraverso le pagine social di amici e conoscenti di Davide, che nella tragicità dell’evento desiderano lasciare un loro ricordo, una testimonianza di affetto e vicinanza ai familiari.
Davide Giri 30 anni stava tornando da una partita di calcio con gli amici, quando è stato aggredito e accoltellato all’addome. Ed è morto.
Il presunto assalitore, scappato, è stato arrestato. Si tratta di un giovane appartenente a una gang che dal 2012 ha collezionato innumerevoli arresti e condanne per rapine e aggressioni, ed era attualmente in libertà vigilata.
Così lo ricorda il Rettore Guido Saracco nell’esprimere il cordoglio di tutta la comunità del PoliTo per la tragica scomparsa dell’ex-allievo Davide Giri.
“Davide Giri è stato uno studente brillante del nostro Politecnico e, come molti dei nostri laureati migliori, aveva scelto di continuare a studiare all’estero in una prestigiosa università come la Columbia University. Siamo costernati per la tragica morte del nostro ex allievo e vicini alla sua famiglia e ai compagni di studi che lo hanno conosciuto nelle nostre aule e che adesso ne piangono la scomparsa”.
Questo il post pubblicato invece dalla Columbia Engineering University:
We are deeply saddened to share that Davide Giri, a Columbia Engineering graduate student, was killed in a violent attack near campus last night. A criminal investigation is ongoing and police have a suspect in custody. Little more is known at this time, but we will continue to share details here, including about gathering together as a community, as soon as we are able.
Siamo profondamente addolorati nel condividere che Davide Giri, uno studente laureato di @TAG, è stato ucciso in un violento attacco nei pressi del campus la scorsa notte. Un’indagine penale è in corso e la polizia ha un sospetto in custodia. Al momento si sa poco di più, ma continueremo a condividere dettagli qui, anche sul riunirsi come comunità, non appena possibile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button