dal PiemonteAttualità

Ucraina: Pd accusa Cirio per il filorusso nella sua Giunta

«Esprimo sconcerto e stupore sul fatto che il presidente piemontese Alberto Cirio non abbia nulla da dire in merito alla presenza nella sua Giunta di Maurizio Marrone, che in più occasione in passato è stato promotore di scambi e intese con rappresentanti dei separatisti filorussi nel Donbass» – dichiara in un comunicato ai giornali la deputata cuneese del Pd Chiara Gribaudo. E aggiunge: «A maggior ragione visto che l’assessore Marrone ha la delega alla cooperazione internazionale».

Vladimir Putin, il presidente russo che potrebbe essere accusato di crimini di guerra per come sta conducendo la già ingiustificabile aggressione perpetrata in Ucraina, ha sempre riscosso simpatie tra i leader del centrodestra nostrano, Matteo Salvini e Giorgia Meloni in primis. Ma a Torino, ricordano dal Pd, si è andati oltre arrivando ad aprire un centro di rappresentanza della Repubblica Popolare di Donetsk in Italia, nato con lo scopo di raggiungere il riconoscimento internazionale di questa autoproclamata secessione dall’Ucraina. La regia fu proprio quella di Marrone, allora consigliere regionale all’opposizione. E solo pochi giorni fa, fanno notare ancora dal Pd, il consigliere leghista Alberto Preioni definiva Putin «un grande leader».
Conclude Gribaudo: «Cirio ha dichiarato che all’Ucraina non bastano le parole ma i fatti. Su questo mi trova totalmente d’accordo. Per questo lo invito a chiarire in merito alla presenza di filorussi tra i suoi collaboratori e nella sua maggioranza e sgomberare il campo da qualsiasi ambiguità, anche valutando una ridistribuzione delle deleghe. Il Piemonte e chi lo governa devono essere dalla parte della pace e della democrazia senza se e senza ma».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button