LANGA DEL BAROLOLANGHEVerdunoSanità

Travel Award 2022, prestigioso premio europeo a Vienna per la Dott.ssa Elena Lenta

Tra gli oltre 900 abstracts presentati al Congresso, il lavoro della ricercatrice sull’ “alfabetizzazione alimentare” è stato eletto come “miglior studio realizzato da un ricercatore italiano under-35”

VERDUNO – Elena Lenta, dietista della Struttura Complessa di Nutrizione Clinica e Disturbi del Comportamento Alimentare dell’Ospedale “Michele e Pietro Ferrero” a Verduno, ha ritirato domenica mattina a Vienna il prestigioso Travel Award, il premio promosso dall’ESPEN – la più importante Società Scientifica Europea nell’ambito della Nutrizione Clinica -, rivolto ai migliori giovani ricercatori under-35 nell’ambito degli Stati membri della Società Scientifica.

Tra gli oltre 900 abstracts presentati in occasione del Congresso Annuale che si è svolto nella capitale austriaca dal 3 al 6 settembre, il lavoro della Dott.ssa Lenta è stato eletto come “miglior studio realizzato da un giovane ricercatore italiano”.

L’impegno della giovane ricercatrice si è focalizzato sull’analisi della cosiddetta “alfabetizzazione alimentare” dei dipendenti (ovvero sulle loro conoscenze in campo nutrizionale anche ai fini di un miglioramento della loro cultura alimentare). Lo studio fa parte delle attività correlate al progetto “ABCibi”, iniziativa nata a Verduno nel 2021 grazie al sostegno della Fondazione Ospedale Alba-Bra Onlus, con l’obiettivo di apportare un profondo rinnovamento del servizio di ristorazione collettiva per pazienti e lavoratori, che mira a favorire l’attenzione all’educazione alimentare per i dipendenti del Presidio “Ferrero”.

«Gli studi affermano che la conoscenza nutrizionale si trova alla base della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, quali obesità, diabete, ipertensione e cancro – commenta la Dott.ssa Lenta -, e se questa attenzione è importante per il cittadino, lo è ancora di più per coloro che operano in un’Azienda la cui principale ragion d’essere è proprio la salute. I risultati dell’indagine indicano che, a fronte di una buona conoscenza teorica sugli alimenti, esistono spazi di miglioramento sugli aspetti pratici, ad esempio su come costruire un piatto sano. Desidero, in particolare, ringraziare il Direttore della Struttura di Nutrizione Clinica dell’ASL CN2, la Dott.ssa Cloè Dalla Costa, così come il suo straordinario staff, i cuochi e tutti coloro che contribuiscono al progetto ABCibi, nato dalla collaborazione tra la Fondazione Ospedale Alba Bra Onlus e l’ASL CN2».

«Le generazioni più giovani dispongono di talenti unici – commenta la Dott.ssa Dalla Costa, Direttore della S.C. Nutrizione Clinica e Disturbi del Comportamento Alimentare. La loro abitudine ad un mondo in continua evoluzione li porta a reagire con idee innovative e al passo con i tempi.  La valorizzazione dei giovani è fondamentale per creare futuri professionisti esperti. Sulla base degli esiti di questo lavoro sono stati effettuati numerosi interventi: dai corsi di educazione alimentare fino al rinnovamento della mensa, sia in termini di offerta alimentare sia in termini di allestimento grafico tramite l’utilizzo di materiali come poster, locandine e pannelli che guidano i dipendenti alla scelta del pasto più corretto. E ci poniamo oggi nuovi, ambiziosi traguardi, che superino i confini dell’ospedale e stimolino ancor di più l’attenzione all’alimentazione sana ed equilibrata sul territorio dell’ASL CN2».

 

 

 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button