Trattori in fila al santuario per benedire il lavoro agricolo

Una foto della benedizione gentilmente concessa da Controluce

Una lunga coda di mezzi agricoli, compagni di lavoro degli agricoltori, allineati uno dietro l’altro in attesa di transitare davanti al santuario della Beata Vergine di San Giovanni. Così l’altra domenica a Sommariva del Bosco si è ripetuto il rito della benedizione dei trattori.

«Le parole del sacerdote sono state: “Per intercessione di Sant’Antonio Abate il Signore benedica i contadini, i loro terreni e i mezzi che li lavoreranno nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”» – ha scritto su Internet don Franco Pedussia, il rettore di questo luogo di culto tanto caro ai sommarivesi.

Su ciascuna macchina è caduta una spruzzatina di acqua benedetta: tra le preghiere dei presenti affinché la meccanica si riveli sempre un alleato fedele della fatica dell’uomo, e non lo tradisca come purtroppo tante volte è successo con esiti anche drammatici nelle campagne.

Ha proseguito la sua comunicazione il rettore: «Ai contadini gli Amici del Santuario hanno consegnato un sacchettino contenente un calendario tascabile di questa chiesa, una rubrica, un calendario missionario da tavolo e l’annuario dell’associazione, fatto stampare alla fine dello scorso novembre».

Assieme ai trattori una famiglia partecipante alla benedizione aveva condotto davanti al santuario anche un pony femmina. Il rito si è tenuto nel mese in cui si celebra la ricorrenza liturgica di Antonio, anacoreta egiziano venerato patrono degli animali domestici e spesso raffigurato con accanto un maialino.