dal PiemonteCRONACA

Traffico di animali da compagnia: un affare da 300 milioni

Il traffico di animali alimenta un business criminale che vale oltre 300 milioni di euro all’anno; l’importazione illegale dall’estero e la rivendita al mercato sono state favorite in pandemia da oltre 3,5 milioni degli italiani che hanno deciso di portare a casa un amico a quattro zampe per superare lo stress dei lockdown e delle misure anti contagio.

E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti. Si tratta di uno dei fenomeni malavitosi a maggior impatto sociale visto che una casa italiana su tre (32%) ospita almeno uno o più animali da compagnia, un totale di oltre 14 milioni di cani e gatti di tutte le razze, taglie ed età. Ad arrivare in Italia con la tratta clandestina sono di solito cuccioli di poche settimane, quasi sempre non svezzati e ovviamente senza microchip. In molti casi imbottiti di farmaci per farli apparire in buona salute, vengono accompagnati da una documentazione contraffatta che giunge anche ad attestarne la falsa origine interna e riporta trattamenti vaccinali e profilassi spesso non eseguiti.

E’ un commercio che talvolta si realizza anche con la complicità di allevatori e negozianti italiani che “riciclano” nel mercato legale esemplari in realtà di provenienza dubbia. Il traffico di animali da compagnia costituisce un danno per tutte le parti coinvolte, a eccezione di chi lo gestisce. E se un cucciolo di razza “al nero” costa molto meno che nella filiera legale dell’allevamento, si tratta soltanto di un risparmio apparente: presto la povera bestiola che già tanto ha sofferto, avrà bisogno di spese ingenti dal veterinario, per non rischiare una morte precoce.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button